Revival Dinastia Lê

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Successivamente Lê Restaurazione
Regno di i Việt
i Việt Quốc (大越國)
1533–1789
una mappa del Vietnam del XVIII secolo, che mostra il Tonchino controllato da Trịnh (a nord) e la Cocincina controllata da Nguyễn (a sud)
una mappa del 18 ° secolo del Vietnam, che mostra il Trịnh controllata al Tonkin (al Nord) e la Nguyễn controllata al Cocincina (nel Sud)
StatoImpero
CapitaleTây Đô (Vạn Lại) (1546–1592)
Đông Kinh (1593–1789)
Lingue comuniAnnamese
Religione
Neoconfucianesimo , Buddismo , Taoismo , Religioni popolari , Cristianesimo
Governo Dittatura militare feudale monarchica
imperatore 
• 1533–1548
Lê Trang Tông (primo)
• 1786–1789
Lê Chiêu Thống (ultimo)
dittatori militari 
• 1533–1545 (primo)
Nguyễn Kim
• 1545-1786
Trịnh signori
• 1786-1789 (ultimo)
Nguyễn Huệ
legislaturaTrịnh signori
Storia 
• Inaugurazione di Lê Trang Tông
1533
•  Riconquista di Đông Kinh
1592
• Ritorno di Nguyễn Hoàng a Thuận–Quảng
1600
1789
ValutaMonete contanti in lega di rame e zinco
Preceduto da
seguito da
dinastia Mạc
Trịnh signori
Nguyễn signori
dinastia Tây Sơn
Oggi parte diVietnam
Laos
Cambogia
Cina

La dinastia Revival Lê ( vietnamita : Nhà Lê trung hưng家黎中興; Hán-Việt : 黎中興朝Lê trung hưng triều ), chiamata anche la tarda Restaurazione Lê , fu una dinastia vietnamita che esisteva tra il 1533 e il 1789. La dinastia Lê primordiale (1428-1527) e la dinastia Revival Lê (1533-1789) formarono collettivamente la dinastia Lê successiva . [1]

Questo periodo segnò la fine della seconda o tarda dinastia Lê che fiorì per 100 anni dal 1428 al 1527 fino a quando un mandarino di alto rango Mạc Đăng Dung rubò il trono dell'imperatore Lê Cung Hoàng nel 1527 e stabilì la dinastia Mạc , governando l'intera territorio di Đại Việt . I realisti Lê fuggirono nel Regno di Lan Xang (oggi Laos ). La Destra comandante generale delle armate Cinque e marchese di An Thanh (vietnamita: Hữu VE Điện Tiền Tuong Quan An Thanh Hau) Nguyễn Kimconvocò le persone che erano ancora fedeli all'imperatore Lê e formò un nuovo esercito per iniziare una rivolta contro Mạc Đăng Dung. Successivamente, Nguyễn Kim tornò a Đại Việt e guidò i realisti Lê in una guerra civile di sei anni prima che i Lê riuscissero a catturare i territori di Thanh Hóa. Questo segnò l'inizio dell'era delle dinastie del sud e del nord . I Lê e Mạc avrebbero continuato la lunga guerra civile nei successivi 40 anni.

Nel 1529, incapace di resistere alle forze dei Lê, la dinastia Mạc si ritirò a nord e stabilì una nuova capitale nella provincia di Cao Bằng alleandosi con la dinastia Ming della Cina come nazione tributaria contro la dinastia Lê. La dinastia Revival Lê alla fine riconquistò i tre quarti del loro antico regno. Dal momento che la dinastia Mac governò la parte settentrionale di Đại Việt mentre la dinastia Lê governò il resto del paese, questa volta divenne noto come il periodo delle dinastie del nord e del sud . Dopo aver catturato la capitale Đông Kinh , Nguyễn Kim fece il figlio dell'ex imperatore Lê Chiêu Tông , Lê Trang Tôngimperatore di Đại Việt. Il titolo è stato dato a Lê Trang Tông, tuttavia, solo come prestanome. Nguyễn Kim mantenne per sé il vero potere e governò il regno. Nel 1545, Nguyễn Kim fu avvelenato da Dương Chấp Nhất ), un generale arreso della dinastia Mạc. Il potere della corte reale fu poi passato al genero di Nguyễn Kim, Trịnh Kiểm, che divenne il fondatore dei signori Trịnh . Più tardi, il primo figlio di Nguyễn Kim, Nguyễn Uông, fu assassinato da Trịnh Kiểm. Il secondo figlio di Nguyễn Kim, il marchese di Hạ khê (Hạ khê hầu) Nguyễn Hoàng si trasferì a sud, divenne viceré della provincia di Thuận Hoá , fondò i signori Nguyễn, e ha iniziato una rivolta contro il regno dei signori Trịnh. In quanto tale, Đại Việt fu diviso per 232 anni mentre i due signori si combattevano l'un l'altro in quella che oggi è conosciuta come la guerra civile Trịnh-Nguyễn . Questo conflitto terminò solo quando i fratelli Tây Sơn guidarono i contadini nella ribellione Tây Sơn alla fine conquistando l'intero regno nel 1789. L'ultimo imperatore della dinastia Lê Lê Chiêu Thống fuggì in esilio in Cina e la dinastia crollò. [2]

Storia [ modifica ]

Nel 1533, l'alleanza Nguyễn-Trịnh catturò il Dongkinh ( capitale orientale ) del Việt Nam e incoronò Lê Trang Tông come prossimo imperatore Lê. Nella storia ufficiale vietnamita, questa data segna la fine della dinastia Mạc anche se la realtà era molto diversa. Mạc Đăng Dung regnò ad Hanoi fino alla sua morte nel 1541 e i suoi discendenti governarono ad Hanoi fino al 1592. Il paese fu diviso in due parti anche se gradualmente l'alleanza Trịnh-Nguyen prese il controllo di una parte sempre maggiore del paese dai Mạc (per storie più complete di questo periodo: vedere l' articolo sui signori di Trịnh e l' articolo sui signori di Nguyễn ).

Nel 1592, con la conquista di Dongkinh , l'imperatore vietnamita Lê Thế Tông, si insediò nell'antica capitale. Gli imperatori Lê sedettero come governanti prestanome ad Hanoi fino a quando la rivolta di Tây Sơn spazzò via Trịnh e Le dal potere. Quello che segue è l'elenco ufficiale degli imperatori Lê dal 1533 al 1789:

Mappa del Vietnam che mostra (approssimativamente) le aree controllate da Trịnh, Nguyen, Mac e Panduranga intorno all'anno 1650.
  • Lê Trang Tông (1533-48) - Un figlio del principe Ý di nome Ninh. Incoronato imperatore nel "palazzo d'inverno" nel 1533. Ufficialmente riconosciuto come re da una delegazione Ming nel 1536. Un attacco alle forze Mac guidate dal generale Le Nguyễn Kim portò alla spartizione del Vietnam nel 1545, con la conquista della famiglia Nguyễn controllo della parte meridionale del paese fino all'estremo nord dell'attuale provincia di Thanh Hóa . I Nguyễn, che presero il titolo ereditario di chúa (in inglese: signore ), continuarono a professare lealtà alla dinastia Lê.
  • Lê Trung Tông (1548–56) – Durante il suo regno, la guerra con i Mạc continuò.
  • Lê Anh Tông (1556–73) – Nel 1572, l'esercito reale sotto Trịnh Tùng catturò Hanoi. Ma un anno dopo, l'esercito di Trịnh fu cacciato da Hanoi. L'imperatore approfittò del caos per fuggire nella provincia di Nghệ An per sfuggire al controllo di Trịnh Tùng. Tuttavia, Trịnh Tùng nominò semplicemente un nuovo imperatore e fece assassinare Lê Anh Tông.
  • Lê Thế Tông (1573-99) – Alla fine del XVI secolo la famiglia Trinh aveva spodestato la famiglia Mac e aveva cominciato a governare la metà settentrionale del paese anche in nome della dinastia Lê. Quando Hanoi fu catturata per la seconda (e ultima) volta nel 1592, la corte tornò nella vecchia capitale. L'Imperatore diede a Trịnh Tùng il titolo di Principe Pacificatore (Binh An Vương) in riconoscimento della sua grande vittoria sui Mạc. I Trinh, che, come i Nguyễn, presero il titolo di chúa , trascorsero la maggior parte del XVII secolo nel tentativo di deporre i Nguyễn.
  • Lê Kính Tông (1600–19) – All'inizio del suo regno, Nguyễn Hoàng , uno dei signori Nguyễn, rifiutò di accettare gli editti imperiali di Le Kinh Tong. Dopo 19 anni come prestanome, Le Kinh Tong è stato coinvolto in una cospirazione per uccidere Trịnh Tùng e prendere il potere. Fu giustiziato e nominato un nuovo imperatore.
  • Lê Thần Tông (1619–43) – All'inizio del suo governo, Nguyễn Phúc Nguyên , capo dei Signori Nguyễn, rifiutò di riconoscere il nuovo imperatore. Dopo sette anni di crescente tensione, iniziò la grande guerra tra Trịnh e Nguyễn (vedi Guerra Trịnh-Nguyễn ). Le Thần Tong vide la morte di Trịnh Tùng e il governo di Trịnh Tráng. Nel 1643 abdicò al trono in favore del figlio. Per respingere l'invasione delle forze Trinh, i Nguyễn nel 1631 completarono la costruzione di due grandi mura, alte sei metri e lunghe diciotto chilometri, sulla loro frontiera settentrionale. I Trinh, con 100.000 soldati, 500 elefanti e 500 grandi giunche, erano numericamente di gran lunga superiori al loro nemico meridionale. I Nguyễn, tuttavia, erano meglio equipaggiati, avendo ormai acquisito armi e polvere da sparo portoghesi e, come forza di difesa, avevano il sostegno della popolazione locale.
  • Lê Chân Tông (1643–49) – Morì dopo soli sei anni, subito dopo che l'esercito reale (Trịnh) subì una disastrosa sconfitta per mano dei Nguyễn. Suo padre salì di nuovo al trono.
  • Lê Thần Tông (di nuovo: 1649–62) – Riguadagnò il trono dopo la morte prematura di suo figlio. Questo fu un periodo di molte sconfitte per l'esercito reale (cioè i Trịnh) nella loro lunga guerra contro i Nguyễn. Ma alla morte del vecchio imperatore, Trịnh Tạc aveva ripristinato la situazione e sconfitto l'offensiva Nguyễn (vedi Guerra Trịnh-Nguyễn per i dettagli).
  • Lê Huyền Tông (1663–71) – Durante il suo tempo, i Mạc furono cacciati dal loro ultimo pezzo di territorio nell'estremo nord del Vietnam. Nel sud, non c'è stata alcuna attività nella guerra Trịnh-Nguyen.
  • Lê Gia Tông (1672–75) – Durante il suo tempo, l'ultima grande offensiva ebbe luogo contro le mura di Nguyễn da parte di Trịnh Tạc . L'offensiva fallì dopo sette mesi di combattimenti e fu concordato un trattato di pace tra il Trịnh e il Nguyễn. Questo iniziò la lunga pace di 100 anni tra il nord e il sud del Vietnam. Durante quel periodo, il Nguyễn continuò la sua espansione verso sud nelle terre possedute, o precedentemente detenute, dai Cham e dai Khmer. I Trinh, nel frattempo, consolidarono la loro autorità nel nord, istituendo riforme amministrative e sostenendo la borsa di studio. La nobiltà e gli studiosi-ufficiali sia del nord che del sud, tuttavia, continuarono a bloccare lo sviluppo della produzione e del commercio, preferendo mantenere una società feudale e contadina, che potevano controllare.
  • Lê Hi Tông (1676–1704) – Questo fu un regno pacifico anche se nel 1677 gli ultimi resti del Mạc attaccarono il Vietnam fuori dalla Cina. Sono stati sconfitti. Questo imperatore fu costretto ad abdicare al suo trono in favore di suo figlio dal nuovo Signore Trịnh , Trịnh Cương .
  • Lê Dụ Tông (1705-1728) - Un periodo di pace anche se alcuni missionari cristiani furono perseguitati. L'imperatore e Trịnh Cương morirono a pochi mesi l'uno dall'altro nel 1728.
  • Duca Hôn-đức (1729–32) – Il nuovo imperatore fu messo in prigione dal nuovo signore Trịnh Trịnh Giang e fu poi assassinato dopo quattro anni.
  • Lê Thuần Tông (1732–35) – Niente di importante durante il suo breve regno.
  • Lê Ý Tông (1735–40) – Trịnh Giang convinse stupidamente il governo cinese a dargli il titolo di Re Supremo dell'Annam (An Nam Thượng Vương). Questo è stato ampiamente visto come un'usurpazione della posizione dell'imperatore Lê e una ribellione iniziata in tutto il Vietnam del nord. Trịnh Giang rinunciò al suo potere nel 1738, il re abdicò appena un anno dopo.
  • Lê Hiển Tông (1740–86) – Questo fu un periodo di molte rivolte, ma il nuovo Signore di Trịnh , Trịnh Sâm, riuscì a sopprimerle tutte. La rivolta di Tây Sơn iniziò nel sud nel 1772 e la forza imperiale sotto il signore di Trịnh colse l'opportunità di porre fine alla tregua di 100 anni e conquistò Huế . Tuttavia, decimato dalle malattie, l'esercito di Trịnh fu costretto a ritirarsi a nord, lasciando un vuoto di potere per il nascente Tây Sơn.
Nome del tempio nome postumo Vero nome Tempo Nome dell'era Tempio
Trang Tong Dụ hoàng đế Le Duy Ninh 1533–1548 Nguyen Hòa Cảnh Lăng
Trung Tong Vũ hoàng đế Lê Duy Huyen 1548–1556 Thuận Bình Dien Lăng
Anh Tong Tuấn hoàng Le Duy Bang 1556–1573 Thiên Hựu (1557)
Chính trị (1558–1571)
Hồng Phúc (1572–1573)
Bố Vệ Lng
Thế Tông Nghị hoàng Lê Duy Đàm 1573–1599 Gia Thái (1573–1577)
Quang Hưng (1578–1599)
chưa biết
Kính Tông Hiển Nhân Dụ Khánh Tuy Phúc Huệ hoàng đế [3]
(Giản Huy đế) [4]
Lê Duy Tan 1599–1619 Thuận c (1600)
Hoằng Định (1601-1619)
Hoa prestito Lăng
(Bố Vệ Lăng)
Thần Tông (primo) Uyên hoàng Le Duy Kỳ 1619–1643 Vĩnh Tộ (1620-1628)
Đức Long (1629–1634)
Dương Hoà (1634–1643)
Quần Ngọc Lăng
Chan Tong Thuận hoàng Lê Duy Hựu 1643–1649 Phúc Thái Hoa Phố Lăng
Thần Tông (secondo) Uyên hoàng Le Duy Kỳ 1649–1662 Khánh Đức (1649–1652)
Thịnh Đức (1653–1657)
Vĩnh Thọ (1658–1661)
Vạn Khánh (1662)
Quần Ngọc Lăng
Huyền Tông Khoát Đạt Duệ Thông Cương Nghị Trung Chính Ôn Nhu Hoà Lạc Khâm Minh
Văn Tứ Doãn Cung Khắc Nhượng Mục hoàng đế [5]
Le Duy Vũ 1663–1671 Cảnh Trị Quả Thịnh Lăng
Gia Tong Khoan Minh Mẫn Đạt Anh Quả Huy Nhu Khắc Nhân Đốc Nghĩa Mỹ hoàng đế [6] Lê Duy Cối
(Lê Duy Khoái)
1672–1675 Dương c (1672–1673)
Đức Nguyên (1674–1675)
Phúc An Lăng
Hy Tông Thông Mẫn Anh Quả Đôn Khoát Khoan Dụ Vĩ Độ Huy Cung Chương hoàng đế [7] Lê Duy Cap
(Lê Duy Hiệp)
1675-1705 Vĩnh Trị (1678–1680)
Chính Hoà (1680–1705)
Phú Lăng
Dụ Tông Thuần Chính Huy Nhu Ôn Giản Từ Tường Khoan Huệ Tôn Mẫu Hòa hoàng đế [8] Lê Duy Đường 1706–1729 Vĩnh Thịnh (1706–1719)
Bảo Thái (1720–1729)
Cổ Đô Lăng, sau chuyển ha
cantato Kim Thạch Lăng
Hôn Đức cong Le Duy Phường 1729–1732 Vĩnh Khanh Kim Lũ
Thuần Tông Khoan Hào ôn Mẫn Nhu Tốn Cẩn Khác Trần Tiềm Giản hoàng đế [9] Lê Duy Tường 1732–1735 c . lungo Bình Ngô Lăng
Tông n Gia Trang Túc Khải Túy Minh Mẫn Khoan Hồng Uyên Duệ Huy hoàng đế [10] Lê Duy Thận
(Lê Duy Chấn)
1735-1740 Vĩnh Hựu Phù Lê Lăng
Hiển Tông Vĩnh hoàng Lê Duy Diêu 1740-1786 Cảnh Hưng Bàn Thạch Lăng
Mẫn hoàng đế Lê Duy Khiêm
(Lê Duy Kỳ) [11]
1786–1789 Chiêu Thống Bàn Thạch Lăng
Nome del tempio nome postumo Vero nome Causa
Hiếu Tông Imperatore Nhan (仁皇帝) Le Duy Khoang Padre di Lê Anh Tông [12]
Hựu Tông Dien Imperatore (衍皇帝) Le Duy Vĩ Padre di Lê Mẫn Đế [13]
Đoan Môn, la porta principale del sontuoso complesso degli imperatori Revival Lê.

Militare [ modifica ]

Lo stallo tra i signori Trịnh e Nguyễniniziata alla fine del XVII secolo non segnò però l'inizio di un periodo di pace e prosperità. Invece i decenni di continue guerre tra le due famiglie avevano lasciato i ruderi e i contadini in uno stato indebolito, vittima delle tasse riscosse per sostenere i tribunali e le loro avventure militari. Dovendo adempiere ai loro obblighi fiscali aveva costretto molti contadini a lasciare la terra e facilitato l'acquisizione di vasti appezzamenti da parte di pochi ricchi proprietari terrieri, nobili e funzionari studiosi. Poiché gli studiosi-ufficiali erano esentati dal pagare una tassa fondiaria, più terra acquistavano, maggiore era l'onere che gravava su quei contadini che erano stati in grado di conservare la loro terra. Inoltre, i contadini dovettero affrontare nuove tasse su articoli di base come carbone, sale, seta e cannella e su attività commerciali come la pesca e l'estrazione mineraria.La diversa condizione dell'economia ha portato a trascurare anche la vasta rete di sistemi di irrigazione.

Quando caddero in rovina, si verificarono disastrose inondazioni e carestie, che scatenarono un gran numero di persone affamate e senza terra a vagare senza meta per la campagna. La sofferenza diffusa sia nel nord che nel sud portò a numerose rivolte contadine tra il 1730 e il 1770. Sebbene le rivolte si verificassero in tutto il paese, furono essenzialmente fenomeni locali, scoppiati spontaneamente da cause locali simili. Il coordinamento occasionale tra e tra i movimenti locali non ha portato ad alcuna organizzazione o leadership nazionale. Inoltre, la maggior parte delle rivolte furono conservatrici, in quanto i leader sostennero la restaurazione della dinastia Lê. Tuttavia, avanzarono richieste di riforma agraria, tasse più eque e riso per tutti. I contadini senza terra rappresentavano la maggior parte del sostegno iniziale alle varie ribellioni,ma in seguito furono spesso raggiunti da artigiani, pescatori, minatori e commercianti, che erano stati tassati dalle loro occupazioni. Alcuni di questi movimenti ebbero un successo limitato per un breve periodo, ma fu solo nel 1771 che una delle rivolte contadine ebbe un impatto nazionale duraturo.

I Tây Sơn non si accontentavano di conquistare semplicemente le province meridionali di Quangnam. Dopo un decennio di combattimenti abbastanza vittoriosi nel sud contro i Signori Nguyễn, Nguyễn Huệ (il capo generale del Tây Sơn e nessun rapporto con la famiglia regnante Nguyễn) e il suo esercito marciarono a nord nel 1785. L'esercito reale sotto Trịnh Tông fu sconfitto da Nguyễn Huệ. Trịnh Tông si suicidò e l'imperatore Lê si sottomise ai desideri del vittorioso Huệ dandogli in sposa sua figlia. Huệ tornò a sud e pochi mesi dopo il vecchio imperatore morì.

Lê Mẫn Đế (1786–1788). L'ultimo imperatore Lê. All'inizio del suo regno il Trịnh cercò di riaffermare il controllo sul governo. Ciò provocò un'altra marcia a nord di Nguyễn Huệ e così l'imperatore e il Trịnh fuggirono da Dongkinh . La madre dell'Imperatore e il Trịnh si recarono alla corte imperiale dell'Impero Qing per chiedere aiuto contro il Tây Sơn. L' imperatore Qianlong dell'Impero Qing con il pretesto di restaurare la dinastia Lê inviò una grande forza per invadere il Vietnam del Nord.

All'inizio della guerra, le truppe di Nguyễn Huệ si ritirarono a sud, rifiutandosi di ingaggiare l'esercito Qing. Sollevò un suo grande esercito e sconfisse l'invasore alla vigilia del capodanno lunare del 1789. Lê Chiêu Thống fuggì a nord in Cina, per non tornare mai più. Lê Mẫn Đế si recò a Pechino dove " fu nominato mandarino cinese di quarto grado e fu arruolato sotto le insegne tartare. Anche la sua famiglia rimase in Cina, e da quella data molti ex seguaci di Lê, che non avevano perso il loro odio per il Tây Sơn, si aspettava di trovare in ogni ribelle che issa la bandiera della ribellione nel proprio paese un discendente dell'antica stirpe reale. L'ultima di queste insurrezioni fu quella del generale di brigata Li Hung Tsai nel 1878 ”. [14]

Cultura [ modifica ]

Il XVII secolo fu anche un periodo in cui i missionari ei mercanti europei divennero un fattore importante nella vita e nella politica di corte vietnamite. Sebbene entrambi fossero arrivati ​​all'inizio del sedicesimo secolo, né i mercanti stranieri né i missionari ebbero un grande impatto sul Vietnam prima del diciassettesimo secolo. Portoghesi, olandesi, inglesi e francesi avevano tutti stabilito stazioni commerciali a Phổ Hiền entro il 1680. Tuttavia, i combattimenti tra gli europei e l'opposizione dei vietnamiti resero le imprese non redditizie e tutte le postazioni commerciali straniere furono chiuse nel 1700.

Ritratto di Nguyễn Quý Đức (1648-1720) che indossa áo giao lĩnh .

I missionari europei avevano occasionalmente visitato il Vietnam per brevi periodi di tempo, con scarso impatto, a partire dall'inizio del XVI secolo. Il più noto dei primi missionari fu Alexandre de Rhodes , un gesuita francese che fu inviato ad Hanoi nel 1627, dove imparò rapidamente la lingua e iniziò a predicare in vietnamita. Inizialmente, Rodi fu ben accolto dalla corte di Trinh e, secondo quanto riferito, battezzò più di 6.000 convertiti; tuttavia, il suo successo probabilmente portò alla sua espulsione nel 1630. È accreditato per aver perfezionato un sistema romanizzato di scrittura della lingua vietnamita ( quốc ngữ), che è stato probabilmente sviluppato come sforzo congiunto di diversi missionari, tra cui Rodi. Scrisse il primo catechismo in vietnamita e pubblicò un dizionario vietnamita-latino-portoghese; queste opere furono i primi libri stampati in quốc-ngữ. Quốc-ngữ è stato utilizzato inizialmente solo dai missionari; Il cinese classico o chữ nôm continuò ad essere usato dalla corte e dalla burocrazia. I francesi in seguito sostennero l'uso di quốc ngữ, che, a causa della sua semplicità, portò a un alto grado di alfabetizzazione ea una fioritura della letteratura vietnamita. Dopo essere stato espulso dal Vit Nam, Rhodes trascorse i successivi trent'anni cercando sostegno per il suo lavoro missionario dal Vaticano e dalla gerarchia cattolica romana francese , oltre a fare molti altri viaggi in Việt Nam.

Le forme d'arte di quel tempo prosperarono e produssero oggetti di grande valore artistico, nonostante gli sconvolgimenti e le guerre. L'intaglio del legno era particolarmente sviluppato e produceva oggetti che venivano usati per l'uso quotidiano o per il culto. Molti di questi oggetti possono essere visti nel Museo Nazionale di Hanoi.

Preceduto da Sovrano del Vietnam
1533-1789
seguito da

Vedi anche [ modifica ]

Riferimenti [ modifica ]

  1. ^ "國朝正編撮要 • Quốc triều chính biên toát yếu (q.01-02) • Pagina 48" . nomfoundation.org . Estratto il 13 aprile 2017 .
  2. ^ Keat Gin Ooi Sud-est asiatico: un'enciclopedia storica, da Angkor Wat a est ... Volume 1 2004 - Pagina 780
  3. ^ Đại Việt Sử ký Toàn Thư, Kỷ Nhà Lê, Thần Tông Uyên hoàng đế
  4. ^ i Việt Sử Ký Toàn Thư
  5. ^ Đại Việt Sử ký Toàn Thư, Kỷ Nhà Lê, Huyền Tông Mục hoàng đế
  6. ^ Đại Việt Sử ký Toàn Thư, Kỷ Nhà Lê, Gia Tông Mỹ hoàng đế
  7. ^ Đại Việt Sử ký Tục Biên, Kỷ Nhà Lê, Dụ Tông Hòa hoàng đế
  8. ^ Đại Việt Sử ký Tục Biên, Kỷ Nhà Lê, Hôn Đức Công
  9. ^ Đại Việt Sử ký Tục Biên, Kỷ Nhà Lê, Thuần Tông Giản hoàng đế
  10. ^ Đại Việt Sử ký Tục Biên, Kỷ Nhà Lê, Hiển Tông Vĩnh hoàng đế
  11. ^ Theo Khâm định Việt Sử Thông giám Cương mục
  12. ^ Đại Việt Sử ký Toàn Thư, Kỷ Nhà Lê, Anh Tông Tuấn hoàng đế
  13. ^ Đại Việt Sử ký Tục Biên, Kỷ Nhà Lê, Chiêu Thống Đế
  14. ^ Annam e la sua valuta minore , capitolo 16.

Ulteriori letture [ modifica ]

Coordinate : 16°28′N 107°36′E / 16,467°N 107,600°E / 16,467; 107.600