Quang Trung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
  (Reindirizzato da Nguyễn Huệ )
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

Imperatore Quang Trung
光中帝
Imperatore di Đại Việt
Statua di Quang Trung 02.jpg
Imperatore della dinastia Tây Sơn
Regno1788–1792
Incoronazione22 dicembre 1788
Bân Hill , Phú Xuân
PredecessoreL'imperatore Thái Đức
SuccessoreImperatore Cảnh Thịnh
Nato1753
Bình Định , Đàng Trong , i Việt
Morto16 settembre 1792 (1792-09-16)(38-39 anni)
Phú Xuân , Đại Việt
SposaPhạm Thị Liên
Bùi Thị Nhạn
Lê Ngọc Hân
Lê Thị
Trần Thị Quỵ
Nguyễn Thị Bích
Problema
vedi elenco
nomi
Hồ THOM
Nguyen Hue ()
Nguyễn Văn Hue ()
Nguyễn Quang Binh ()
Nome e date dell'era
Quang Trung (): 1788–1792
nome postumo
Vũ Hoàng đế (皇帝)
Nome del tempio
Thai Tổ (太祖)
Casadinastia Tây Sơn
PadreHồ Phi Phúc (o Nguyễn Phi Phúc [1] )
MadreNguyễn Thị Đồng [1]

L'imperatore Quang Trung ( vietnamita:  [kwāːŋ ʈūŋm] Hán tự :光中, 1753 – 16 settembre 1792) o Nguyễn Huệ ( vietnamita:  [ŋwĩəŋ hwêˀ] Hán tự :阮惠), noto anche come Nguyễn Quang Bình ( vietnamita:  [ŋwĩəŋ kwāːŋ ɓîŋ̟] Hán tự :阮光平), fu il secondo imperatore della dinastia Tây Sơn , che regnò dal 1788 al 1792. [2] Fu anche uno dei comandanti militari di maggior successo nella storia del Vietnam. [3] Nguyễn Huệ e i suoi fratelli, Nguyễn Nhạc e Nguyễn Lữ , conosciuti insieme come i fratelli Tây Sơn , erano i capi della ribellione di Tây Sơn . In quanto ribelli, conquistarono il Vietnam, rovesciando la dinastia imperiale Later Lê e le due case feudali rivali dei Nguyễn a sud e dei Trịnh a nord.

Dopo diversi anni di costante campagna militare e governo, Nguyễn Huệ morì all'età di 40 anni. Prima della sua morte, aveva pianificato di continuare la sua marcia verso sud per distruggere l'esercito di Nguyễn Ánh , un erede sopravvissuto dei signori Nguyễn .

La morte di Nguyễn Huệ segnò l'inizio della caduta della dinastia Tây Sơn. I suoi successori non furono in grado di attuare i piani che aveva fatto per governare il Vietnam. La dinastia Tây Sơn fu rovesciata dal suo nemico, Nguyễn Ánh, che fondò la dinastia imperiale Nguyễn nel 1802.

Primi anni [ modifica ]

Secondo diverse fonti, gli antenati di Nguyễn Huệ erano contadini che vivevano a Nghệ An . [4] [5] [6] Lasciarono Nghệ An e si trasferirono nel Vietnam meridionale dopo un attacco dei signori Nguyễn contro i signori Trịnh a Nghệ An. Il cognome dei suoi antenati era Hồ (), ma il bisnonno di Huệ Hồ Phi Long , che era un servitore della famiglia Dinh del villaggio di Bằng Chân, distretto di Tuy Viễn (o An Nhơn), provincia di Quy Nhơn, sposò una donna del Dinh famiglia ed ebbe un figlio di nome Hồ Phi Tiễn , nonno di Huệ. Hồ Phi Tiễn non continuò a coltivare come suo padre, ma commerciò invece in betel . Attraverso il suo lavoro ha incontrato e sposato Nguyễn Thị Đồng(阮氏仝), l'unica figlia di un ricco commerciante di betel residente nel villaggio di Tây Sơn . Uno dei loro figli era il padre di Huệ, Hồ Phi Phúc (胡丕福, noto anche come Nguyễn Phi Phúc). Alcune fonti dicono che assumendo il cognome Nguyễn , la famiglia seguì il cognome della madre di Huệ; altre fonti dicono che seguisse il cognome dei signori Nguyễn del Vietnam meridionale.

Nguyễn Huệ nacque nel 1753 nel villaggio di Tây Sơn, nella provincia di Quy Nhơn (ora provincia di Bình Định ). Suo padre aveva otto figli; in seguito, tre di loro hanno preso parte alla ribellione di Tây Sơn. Secondo Đại Nam chính biên liệt truyện , i fratelli Tây Sơn , elencati dal più anziano al più giovane, erano Nguyễn Nhạc , Nguyễn Lữ , Nguyễn Huệ. [7] Tuttavia, un'altra fonte ha riferito che Nguyễn Lữ era il più giovane. Il suo nome di nascita era Hồ Thơm , aveva anche un soprannome Đức ông Tám (Sir Ottavo la virtù). [8]

Đại Nam chính biên liệt truyện ha descritto Nguyễn Huệ come "un uomo astuto, bravo a combattere; ha occhi luminosi e penetranti e parla sempre con voce stentorea, tutti lo temono". [7] Suo padre, Nguyễn Phi Phúc, fece sì che i tre fratelli si dedicassero ai loro studi in tenera età. Il loro maestro di arti marziali era Trương Văn Hiến , un servitore ( môn khách ) e amico di Trương Văn Hạnh (張文幸), che a sua volta era l'insegnante di Nguyễn Phúc Luân , il padre di Nguyễn Ánh . Dopo che Trương Văn Hạnh fu ucciso dal potente cancelliere Trương Phúc Loan , Trương Văn Hiến fuggì a Bình Định. Fu il primo uomo a scoprire i talenti delfratelli Tây Sơn e consigliare loro di compiere grandi opere.

Più tardi, Trương Văn Hiến incoraggiò Nguyễn Nhạc a ribellarsi contro i signori Nguyễn: "La profezia dice: 'Rivolta in Occidente, successo nel Nord'. [nota 1] Sei nato nel distretto di Tây Sơn, devi fare del tuo meglio." Nguyễn Nhạc quindi radunò persone per aiutarlo nella sua ribellione, dicendo di "rovesciare i signori Trịnh, far rivivere la dinastia Lê". [nota 2]

Cercando di rovesciare il prestito corrotto di Trương Phúc e di aiutare il principe Nguyễn Phúc Dương , il maggiore dei fratelli Tây Sơn, Nguyễn Nhạc , radunò un esercito e si ribellò nel 1771. Fu aiutato dai suoi fratelli Nguyễn Huệ e Nguyễn Lữ . Nei primi giorni della ribellione, Huệ fu il più utile dei generali di Nhạc sia nelle finanze che nell'addestramento dell'esercito; con l'incoraggiamento di Trương Văn Hiến e del proprio talento, Huệ aumentò rapidamente la propria popolarità e quella della Ribellione Tây Sơn.

Grazie alla sua popolarità, l'esercito di Tây Sơn crebbe forte e attirò molti generali di talento, tra cui Nguyễn Thung , Bùi Thị Xuân , Võ Văn Dũng , Võ Đình Tú , Trần Quang Diệu , Trương Mỹ Ngọc e Võ Xu.ân Hoà . I ribelli divennero famosi per la loro politica: "equa, no alla corruzione, solo saccheggiando i ricchi e aiutando i poveri" ( công bằng, không tham nhũng, và chỉ cướp của của người giàu, giúp người nghèo ). [9]

La ribellione di Tây Sơn [ modifica ]

Una statua in bronzo dei fratelli Tây Sơn ( Nguyễn Nhạc , Nguyễn Lữ e Nguyễn Huệ).

Dopo 200 anni di potere nel sud del Vietnam, il governo dei signori Nguyễn era diventato progressivamente più debole, a causa della sua scarsa leadership e dei conflitti interni. Dopo la morte di Lord Nguyễn Phúc Khoát , il potente funzionario Trương Phúc Loan iniziò ad arrogarsi il controllo sul governo di Nguyễn. [10] [11] Allo scopo di resistere allo strapotere di Trương Phúc Loan e venire in aiuto del principe Nguyễn Phúc Dương, i Fratelli Tây Sơn radunarono un esercito e si ribellarono contro il governo dei Signori Nguyễn. L'esercito ribelle del Tây Sơn occupò rapidamente la parte centrale del territorio di Nguyễn, coprendo da Quy Nhơn a Bình Thuận, indebolendo così l'autorità del governo Nguyễn.[10] [11]

Nel 1774, il governo dei signori Nguyễn inviò un grande esercito guidato dal generale Tống Phước Hiệp contro i ribelli Tây Sơn. Da Gia Định , le truppe marciarono verso il Vietnam centro-settentrionale e dopo diverse battaglie riconquistarono Bình Thuận , Diên Khánh e Bình Khang (l' odierna Ninh Hòa ). L'esercito ribelle del Tây Sơn ora deteneva solo la terra da Phú Yên a Quảng Ngãi .

Sempre nel 1774, il sovrano del Vietnam settentrionale, Trịnh Sâm , inviò un massiccio esercito di 30.000 soldati guidati dal generale Hoàng Ngũ Phúc verso sud con lo stesso scopo di quello dell'esercito ribelle di Tây Sơn, vale a dire aiutare i Signori Nguyễn a combattere Trương Phúc Loan . Le truppe del nord non furono ostacolate nella loro marcia verso Phú Xuân , la capitale governativa dei Signori Nguyễn. Il governo dei Signori Nguyễn temeva l'inizio di una guerra ingestibile su due fronti. [10] [11] Funzionari del governo arrestarono Trương Phúc Loan e lo consegnarono alle truppe dei Signori Trịnh. I signori Trịnh, tuttavia, continuarono ad attaccare Phú Xuân con il pretesto di aiutare i signori Nguyễn a sopprimere la ribellione di Tây Sơn. Il Signore Nguyễn Nguyễn Phúc Thuần e i suoi ufficiali inizialmente tentarono di resistere all'attacco, ma finirono per fuggire a Quảng Nam . [11]

Cogliendo l'occasione, Nguyễn Nhạc guidò un esercito (con il supporto navale dei pirati cinesi) contro i signori Nguyễn. Ancora una volta, il Signore Nguyễn Nguyễn Phúc Thuần fuggì, questa volta via mare a Gia Dinh, accompagnato da Nguyễn Phúc Ánh , e lasciando dietro di sé suo nipote Nguyễn Phúc Dương . [10] All'inizio del 1775, l'esercito dei Signori Trịnh marciò su Quảng Nam nello stesso momento in cui le truppe Tây Sơn raggiunsero Quảng Nam. Le truppe di Tây Sơn cercarono e poi catturarono Nguyễn Phúc Dương. L'esercito dei Signori di Trịnh attraversò il Passo Hải Vân , ingaggiò le truppe Tây Sơn e le sconfisse. [11]

Allo stesso tempo, il generale dei signori Nguyễn Tống Phước Hiệp (宋福洽) guidò le sue truppe contro Phú Yên , costringendo l'esercito di Tây Sơn a ritirarsi.

Temendo una guerra su due fronti, Nguyễn Nhạc inviò a Hoàng Ngũ Phúc una proposta secondo cui se i signori Trịnh avessero riconosciuto l'esercito ribelle di Tây Sơn, il Tây Sơn avrebbe aiutato i signori Trịnh a combattere contro i signori Nguyễn. La proposta fu accettata e Nguyễn Nhạc fu nominato ufficiale dei signori Trịnh. Nhac fece anche pace con i signori Nguyễn, costringendo Tống Phước Hiệp ad alleviare la pressione e illudendo il principe Nguyễn Phúc Dương. [11] La sua diplomazia rese provvisoriamente inattivi i nemici di Tây Sơn e gli fece guadagnare tempo prezioso per puntellare il suo esercito. [11]

Rendendosi conto che la tregua provvisoria non sarebbe durata a lungo, Nguyễn Nhạc riaddestrò l'esercito ribelle, reclutò nuovi soldati, fortificò la fortezza di Đồ Bàn e costruì nuove basi, preparandosi per un attacco. [10]

Tống Phước Hiệp, che era stato ingannato dalle aperture pacifiche di Nguyễn Nhạc, non prestò molta attenzione alle attività di Nhạc. Non si è preparato né per la difesa né per l'attacco. Nhạc si servì dell'inattività di Hiệp e inviò truppe guidate da suo fratello Nguyễn Huệ contro di lui. Le truppe Tây Sơn sconfissero rapidamente le truppe impreparate dei Signori Nguyễn e inflissero loro pesanti perdite. Tống Phước Hiệp e le sue truppe fuggirono a Van Phong. [10] Fu la prima grande vittoria ottenuta da Huệ. Nhạc inviò la notizia della vittoria a Hoàng Ngũ Phúc. Su richiesta di Phúc, i Trinh premiarono Nhạc con un nuovo ufficio.

Rovesciamento di Nguyễn Lord [ modifica ]

Poiché le truppe dei Signori di Trịnh non avevano familiarità con il paese meridionale, Hoàng Ngũ Phúc ritirò le truppe a nord. Durante il viaggio morì per cause naturali. La morte di Phúc segnò la fine degli interventi dei Signori Trịnh nel sud. [10] Mentre l'esercito dei Signori di Trịnh si ritirava a Thuận Hóa , Tây Sơn si mosse rapidamente inviando le sue truppe a conquistare il territorio abbandonato e a sopprimere gli elementi fedeli ai Signori di Nguyễn.

Avendo guadagnato molte nuove terre ricche senza incontrare molta opposizione, l'esercito di Tây Sơn si è rafforzato. Nhạc aveva il desiderio di espandere l'autorità di Tây Sơn. Inviò un grande esercito guidato dal fratello più giovane Nguyễn Lữ a lanciare un attacco improvviso contro Gia Định (ora chiamata Ho Chi Minh City) via mare. L'incursione di Lữ ebbe successo: occupò Saigon e costrinse il Signore Nguyễn ei suoi seguaci a fuggire a Biên Hòa . Il suo successo fu di breve durata, tuttavia, quando un esercito fedele ai Signori Nguyễn e guidato da un uomo di nome Đỗ Thanh Nhơn insorse contro di lui a Đông Sơn. L'esercito lealista attaccò e costrinse le truppe di Tây Sơn a ritirarsi da Saigon. Prima di ritirarsi, Lữ ha sequestrato i negozi di alimentari locali e li ha riportati a Quy Nhơn .[11]

Nel 1776, Nguyễn Nhạc si proclamò Re di Tây Sơn ( vietnamita : Tây Sơn Vương ), scegliendo Đồ Bàn come sua capitale, ribattezzandola Thành Hoàng Đế (Città Imperiale). [11] Diede a Huệ il titolo di Phụ Chính (Vice amministratore nazionale).

Campagne del sud [ modifica ]

Monumento vietnamita della battaglia

Nel 1777, Nguyễn Huệ e Nguyễn Lữ guidarono un esercito che marciava più a sud. Catturarono Saigon, distrussero con successo l'esercito dei signori di Nguyễn. La maggior parte dei membri della famiglia reale Nguyễn uccisi o giustiziati in questa campagna, ad eccezione di Nguyễn Ánh . Ánh fuggì a Rạch Giá poi a Hà Tiên . Infine, Ánh fuggì a Pulo Panjang insieme a un prete francese Pigneau de Behaine . Dopo la battaglia, Huệ e Lữ tornarono a Quy Nhơn, a Gia Định era rimasto solo un piccolo esercito. Nguyễn Ánh tornò e occupò Gia Định l'anno successivo. Con l'aiuto di de Behaine, nh costruì armi occidentali, reclutò avventurieri occidentali, proclamando la restaurazione del regime dei signori Nguyễn. Nel 1782, un esercito di Tây Sơn sotto Nguyễn Nhạc e Nguyễn Huệ rioccupò Gia Định. Nguyễn Ánh dovette fuggire a Phú Quốc .

A Phú Quốc, i sostenitori di Nguyễn soffrivano dei frequenti attacchi di Tây Sơn e non avevano cibo e acqua potabile. Châu Văn Tiếp è stato inviato a Bangkok per chiedere aiuto. Nel 1783, Nguyễn Ánh ei suoi sostenitori si ritirarono in Siam con l'esercito siamese. A Bangkok, Ánh è stata accolta calorosamente dal re Rama I . Rama ho promesso che siamese avrebbe aiutato Nguyễn Ánh a riconquistare il suo regno perduto. [12]

L'esercito siamese si mosse verso il Vietnam meridionale nel 1784. Una flotta di ventimila uomini al comando di Chao Fa Krom Luang Thepharirak fu inviata per attaccare e riconquistare Saigon per conto di Nguyễn Ánh. Anche ad Ánh e ai suoi sostenitori fu permesso di accompagnare l'esercito siamese. Phraya Wichinarong guidò la fanteria siamese marciando verso la Cambogia e manovrando l'esercito cambogiano. Il reggente cambogiano, Chaophraya Aphaiphubet (Baen) , reclutò cinquemila soldati per accompagnare le truppe siamesi. [13] [14]

Le truppe siamesi sconfissero l'esercito di Tây Sơn e catturarono diversi luoghi tra cui Rạch Giá , Trấn Giang ( Cần Thơ ), Ba Thắc (Srok Pra-sak, Sóc Trăng ), Trà Ôn, Sa Đéc , Mân Thít (o Mang thít, Man Thiết), e controllava Hà Tiên, An Giang e Vĩnh Long . Tuttavia, incontrarono un'ostinata resistenza da parte dell'esercito di Tây Sơn e non riuscirono a conquistare alcun posto importante. Incapace di respingere il nemico, il generale Trương Văn Đa mandò Đặng Văn Trấn a Quy Nhơn per chiedere aiuto.

I rinforzi di Tây Sơn guidati da Nguyễn Huệ [nota 3] raggiunsero Gia Định nel 1785. Huệ inviò un inviato all'esercito siamese sotto uno stendardo di tregua. Huệ mostrò deliberatamente paura, chiese ai siamesi di non sostenere Nguyễn Ánh. Dimostrò che era un ottimo stratagemma; Thepharirak fu catturato. La mattina del 20 gennaio 1785, la flotta siamese fu circondata nel fiume Rạch Gầm e nel fiume Xoài Mút (vicino al fiume Mỹ Tho , nell'attuale provincia di Tiền Giang ). La battaglia si concluse con un quasi annientamento della flotta siamese, tutte le navi della marina siamese furono distrutte. Thepharirak e Nguyễn Ánh tornarono a Bangkok.

Rovesciamento del Signore Trịnh [ modifica ]

Un editto reale di Quang Trung nel 1790 sulla traduzione di testi classici cinesi in caratteri vietnamiti ( Chữ Nôm )

Il Vietnam del Nord cadde nel caos nel 1786. Un esercito guidato da Nguyễn Huệ, Vũ Văn Nhậm e Nguyễn Hữu Chỉnh marciò verso nord per attaccare Phú Xuân . Il governatore di Phú Xuân, Phạm Ngô Cầu , era un codardo venale e superstizioso, era in contrasto con il suo assistente, Hoàng Đình Thể . Un prete taoista itinerante venne a Phú Xuân e disse a Cầu che avrebbe dovuto erigere un altare per pregare per se stesso. Cầu fu persuaso; costruì un altare, ordinò ai suoi soldati di servirlo giorno e notte, rendendo i suoi soldati molto stanchi. Approfitta di questa opportunità, Huệ ha lanciato un raid contro l'esercito di Trịnh. Hoàng Đình Thể è stato ucciso in azione. Phạm Ngô Cầu si arrese all'esercito di Tây Sơn. [15]

Dopo la cattura di Phú Xuân, Chỉnh incoraggiò Huệ a rovesciare il signore di Trịnh . Huệ seguì il suo consiglio, marciò più a nord senza l'ordine di Nguyễn Nhạc. L'esercito di Tây Sơn sconfisse facilmente diverse truppe di Trịnh. Quando raggiunsero Thăng Long (l' odierna Hanoi), Trịnh Khải venne sul campo di battaglia per combattere contro l'esercito di Tây Sơn. L'esercito di Tây Sơn attaccò gli elefanti da guerra con archibugi, infine, catturarono con successo Thăng Long (l' odierna Hanoi). [15] [7] Huệ incontrò Lê Hiển Tông il giorno successivo; ha detto che ha marciato a nord per rovesciare i signori di Trịnh, e non aveva altre intenzioni. Huệ è stato accolto calorosamente da Lê Hiển Tông e ha ricevuto la posizioneNguyên-soái (元帥 "comandante supremo") titolo nobiliare Uy-quốc-công (威國公). Sposò anche Lê Ngọc Hân , una figlia dell'imperatore Lê. Il vecchio imperatore morì alcuni giorni dopo. Lê Chiêu Thống fu intronizzato da Huệ. [16] Sebbene non fosse stato affatto proclamato imperatore, Nguyễn Huệ era rispettato dai cittadini di Thăng Long per il modo in cui un imperatore sarebbe stato trattato.

Nguyễn Nhạc non voleva prendere il nord del Vietnam; inviò un inviato a Phú Xuân per impedire a Huệ di marciare a nord, ma Huệ era partito. Poi ricevette il messaggio che Huệ aveva catturato Thăng Long e si rese conto che Huệ era difficile da controllare. Nhạc guidò 2500 uomini e marciò verso nord per incontrare Huệ e l'imperatore Lê. A Thăng Long, Nhạc promise che non avrebbe preso alcun territorio dell'imperatore Lê. Quindi Nhạc si ritirò da Thăng Long insieme a Huệ. [16] A Vũ Văn Nhậm non piaceva Nguyễn Hữu Chỉnh e persuase Huệ a lasciare Chỉnh nel nord del Vietnam. Huệ riportò segretamente il suo esercito a Phú Xuân. [17] Chỉnh abbandonò tutti i suoi beni e venne a Nghệ Anper unirsi all'esercito di Tây Sơn. Nguyễn Nhạc non ebbe il coraggio di abbandonarlo di nuovo; Chỉnh fu lasciato a Nghệ An insieme a un generale Tây Sơn, Nguyễn Văn Duệ . [16]

Guerra civile tra due fratelli [ modifica ]

Nello stesso anno, Nguyễn Nhạc si autoproclamò Trung ương Hoàng đế (中央皇帝 "l'imperatore centrale"). Huệ ricevette il titolo di Bắc Bình Vương (北平王 "Re della conquista del nord" [nota 3] ), l'area a nord di Hải Vân fu data come suo feudo. Ma non molto tempo dopo, entrò in conflitto con Nguyễn Nhạc. Nhạc attaccò inizialmente Huệ, scoppiò una guerra civile. [7]

Ma la potenza militare di Huệ era più forte di Nhạc. Huệ assediò Quy Nhơn per diversi mesi. Le forze principali di Gia Định furono richiamate per sostenere Nhạc, ma furono sconfitte a Phú Yên , il suo comandante Đặng Văn Chân si arrese a Huệ. Nhạc salì sulle mura della città e gridò a Huệ: "Come puoi usare la pentola di pelle per cucinare la carne in quel modo?" [nota 4] È un'antica usanza, se i cacciatori catturassero una preda nella giungla senza una pentola, la scuoirebbero e ne userebbero la pelle per cucinare la carne. Usando questa metafora, Nhạc ha indicato che i fratelli non dovrebbero combattere tra loro. Huệ fu commosso fino alle lacrime e decise di ritirarsi. [16] Seguendo il consiglio di Trần Văn Kỷ, Huệ ha deciso di raggiungere un accordo di pace Nhạc. I due fratelli scelsero Bến Bản come confine; l'area a nord di Quảng Ngãi era l'area di Huệ; l'area a sud di Thăng Bình e Điện Bàn apparteneva a Nhạc. Da quel momento in poi cessarono il fuoco l'uno con l'altro. [7]

Campagne del nord, fine della dinastia Lê [ modifica ]

Durante l'assenza di Nguyễn Huệ, il Vietnam del nord cadde di nuovo nel caos. Il regime di Trịnh signore restaurato. Lê Chiêu Thống non ha potuto controllare la situazione, ha chiesto aiuto a Nguyễn Hữu Chỉnh. Sebbene Trịnh Bồng fosse stato bandito da Thăng Long, Chỉnh divenne il nuovo reggente proprio come prima i signori Trịnh. Dopo aver appreso delle azioni di Chỉnh, un esercito sotto Vũ Văn Nhậm fu inviato da Huệ per attaccare Thăng Long. Chỉnh fu rapidamente sconfitto e fuggì insieme a Lê Chiêu Thống. [16]

Chỉnh fu trovato e giustiziato, ma Nhậm non riuscì a trovare Lê Chiêu Thống. Per guadagnare popolarità tra i vietnamiti del nord, Nhậm installa Lê Duy Cận come giám quốc ("Principe reggente"). Due generali, Ngô Văn Sở e Phan Văn Lân , lo riferirono a Huệ. Huệ guidò un esercito che marciò verso nord e lanciò un raid notturno. Sở e Lân aprirono il cancello per farli entrare. Huệ catturò Nhậm e lo fece giustiziare. [16]

Huệ riportò il suo esercito a Phú Xuân. [16] Lê Duy Cận rimase al suo posto; Ngô Văn Sở, Phan Văn Lân, Nguyễn Văn Tuyết , Nguyễn Văn Dụng , Trần Thuận Ngôn e Ngô Thì Nhậm , furono lasciati a Thăng Long per guardare Cận. [7]

Guerra con la dinastia Qing [ modifica ]

Statua di Quang Trung a Đống Đa Mound

Lê Chiêu Thống non abbandonò mai il suo tentativo di riconquistare il trono. Si nascose nel monte Bảo Lộc; lì dentro, aveva un piano per combattere contro Tây Sơn. [16] Sua madre, l' imperatrice vedova Mẫn , fuggì a Longzhou , chiese aiuto alla Cina Qing per ripristinare la dinastia Lê . [20] [21] L' imperatore Qianlong della Cina Qing decise di restaurare Lê Chiêu Thống sul trono, sebbene sotto la protezione dei Qing. [20]

Due eserciti cinesi invasero il Vietnam nell'ottobre dell'anno lunare Mậu Thân (novembre 1788): l' esercito di Liangguang sotto Sun Shiyi e Xu Shiheng , come forza principale, marciò attraverso il South Suppressing Pass (l'attuale Friendship Pass ); L' esercito Yungui sotto Wu Dajing , marciò attraverso il Passo del Cavallo ( Maguan ); i due eserciti miravano ad attaccare Thăng Long direttamente. [20]

Quando l'esercito di Liangguang raggiunse Lạng Sơn , Sun annunciò che c'era un numero molto elevato di esercito di Qing, per minacciare i soldati di Tây Sơn. I cinesi hanno marciato rapidamente verso sud. Rendendosi conto che l'esercito di Tây Sơn non poteva impedire all'esercito cinese di marciare su Thăng Long, Ngô Văn Sở accettò l'idea di Ngô Thì Nhậm, abbandonò Thăng Long e si ritirò ordinato a Tam Điệp. A Tam Điệp, Ngô Văn Sở inviò Nguyễn Văn Tuyết a Phú Xuân per chiedere aiuto. [20]

Nguyễn Huệ conosceva la situazione il 24 novembre lunare (21 dicembre 1788), maledicendo gli invasori. Huệ dichiarò che Lê Chiêu Thống era un traditore nazionale e non qualificato per il trono. Il giorno successivo, Nguyễn Huệ eresse un altare su una collina a sud di Phú Xuân e si proclamò imperatore Quang Trung, abolendo di fatto la dinastia Lê. [22] Dopo l'incoronazione, marciò verso nord con 60.000 soldati. Ha reclutato volontari nella provincia di Nghệ An, ora il numero dei suoi soldati ha raggiunto i 100.000. In Thọ Hạc (Thanh Hóa), ​​fece un discorso corroborante davanti ai suoi soldati. I soldati hanno risposto con un grande grido di approvazione. Furono incoraggiati e marciarono rapidamente.

Huệ arrivò a Tam Điệp il 20 dicembre lunare (15 gennaio 1789). Là, Huệ riunì tutte le forze e le divise in cinque rami: la forza principale guidata da Huệ, marciò verso nord per attaccare Thăng Long direttamente; una marina guidata da Nguyễn Văn Tuyết (comandante Tuyết), salpò dal fiume Lục Đầu per attaccare i sostenitori di Lê a Hải Dương ; un'altra marina guidata da Nguyễn Văn Lộc (Comandante Lộc), salpò dal fiume Lục Đầu per attaccare Phượng Nhãn e Lạng Giang ; una cavalleria (inclusi elefanti da guerra) guidata da Đặng Tiến Đông , marciò per attaccare Cen Yidong a Đống Đa ; un'altra cavalleria (inclusi elefanti da guerra) guidata da Nguyễn Tăng Long(Comandante Long) marciò oltre Sơn Tây per attaccare Xu Shiheng a Ngọc Hồi (un luogo vicino a Thanh Trì ). [20]

Nel frattempo, i soldati cinesi si stavano preparando a celebrare la festa del capodanno cinese e pianificarono di marciare più a sud per catturare Phú Xuân il 6 gennaio del prossimo anno lunare (31 gennaio 1789). Poiché il capodanno vietnamita ( Tết ) veniva generalmente celebrato nello stesso giorno, i generali cinesi presumevano che l'esercito di Tây Sơn non avrebbe attaccato in quei giorni. Tuttavia, gli eventi successivi hanno dimostrato che si sbagliavano. [20]

Nguyễn Huệ ha sferrato un attacco rapido e a sorpresa contro le forze cinesi durante le vacanze di Capodanno. Raggiunsero Thăng Long nella notte del 3 gennaio del successivo anno lunare (28 gennaio 1789). Nella feroce battaglia di 4 giorni, la maggior parte dei soldati cinesi erano impreparati, furono disastrosamente sconfitti dall'esercito Tây Sơn a Ngọc Hồi e Đống Đa (parte dell'odierna Hanoi). I generali Qing Xu Shiheng , Shang Weisheng , Zhang Chaolong e Cen Yidong furono uccisi in azione. Molti soldati e facchini cinesi sono stati uccisi in azione o sono annegati mentre attraversavano il fiume Rosso . Secondo Draft History of Qing , più della metà dei soldati cinesi sono morti nella battaglia. [21]Sun Shiyi, il comandante in capo dell'esercito cinese, ha abbandonato il suo esercito ed è fuggito per salvarsi la vita in Cina con diversi soldati. Anche Lê Chiêu Tông è fuggito in Cina. Huệ marciò su Thăng Long, i suoi vestiti erano anneriti dalla polvere da sparo. L'esercito di Tây Sơn marciò più a nord dopo la battaglia; raggiunsero Lạng Sơn e minacciarono di marciare oltre il confine per arrestare Lê Chiêu Thống. [20]

Dopo che Nguyễn Huệ sconfisse la dinastia Lê successiva , l'ultimo imperatore Lê Lê Chiêu Thống ei lealisti di alto rango fuggirono dal Vietnam per chiedere asilo nella Cina Qing e si recarono a Pechino . Lê Chiêu Thống è stato nominato mandarino cinese di quarto rango nello stendardo Han Yellow Bordered , mentre i lealisti di rango inferiore sono stati inviati a coltivare la terra del governo e ad unirsi all'esercito dello stendardo verde nel Sichuan e nello Zhejiang . Adottarono l'abbigliamento Qing e adottarono l'acconciatura a coda, diventando effettivamente soggetti naturalizzati della dinastia Qing offrendo loro protezione contro le richieste di estradizione vietnamite. Alcuni lealisti Lê furono inviati anche in Asia centrale a Urumqi. [23] [24] I discendenti moderni del monarca Lê possono essere rintracciati nel Vietnam meridionale ea Urumqi , nello Xinjiang . [25] [26] [27]

Riconciliazione con la Cina Qing [ modifica ]

Dipinto della fine del XVIII secolo raffigurante l' imperatore Qianlong che riceve Nguyễn Quang Hiển , l'inviato di pace di Nguyễn Huệ a Pechino .
Qing ritratto di Quang Trung.

L'iracoso imperatore Qianlong dei Qing sostituì Sun Shiyi con Fuk'anggan . Fuk'anggan non voleva un conflitto con Nguyễn Huệ e inviò una lettera a Huệ in cui esprimeva che un prerequisito necessario per un cessate il fuoco erano le scuse di Huệ all'imperatore. Nguyễn Huệ ha cercato di ripristinare la relazione tributaria al fine di scoraggiare un attacco a tenaglia congiunto Qing- Siam e prevenire ulteriori tentativi cinesi di ripristinare la dinastia Lê. [28] Nguyễn Huệ inviò una richiesta ritualmente sottomessa all'imperatore Qianlong sotto il nome di Nguyễn Quang Bình (noto anche come Ruan Guangping). [28]

Nel 1789, l'imperatore Qianlong accettò di ristabilire la relazione tributaria e infeudare Nguyễn come re di Annam a condizione che Nguyễn guidasse personalmente una delegazione speciale a Pechino per celebrare l'80° compleanno dell'imperatore Qianlong. [28] Per l'imperatore Qianlong, la motivazione per accettare l'accordo era mantenere la supremazia dei Qing e stabilizzare il loro confine meridionale. [28] Fonti cinesi e vietnamite concordano sul fatto che Nguyễn abbia inviato un impostore con una delegazione a Pechino, dove sono stati ricevuti con sontuosi favori imperiali. [28] L'imperatore Qianlong approvò la proposta e conferì a Nguyễn il titolo di An Nam quốc vương("Re di Annam"). Il titolo indicava che Huệ era stato riconosciuto come il sovrano legale del Vietnam e Lê Chiêu Thống non era più supportato. [28]

Regola e riforme [ modifica ]

Quang Trung thông bảo (光中通寶), moneta emessa durante il regno dell'imperatore Quang Trung
Regio decreto concernente l'esenzione fiscale.

Una volta al potere, l'imperatore Quang Trung iniziò per la prima volta a istituire riforme nazionali massicce e senza precedenti in Vietnam.

Sebbene Quang Trung sia stato nominato "re di Annam" da Qing China, si è sempre considerato l'imperatore di Đại Việt . Incoronò Lê Ngọc Hân imperatrice, e le concesse il titolo nobiliare Bắc Cung hoàng hậu (北宮皇后 "imperatrice del Palazzo del Nord"); Nguyễn Quang Toản è stato designato come principe ereditario. [20]

Seguendo il consiglio di Nguyễn Thiếp , Quang Trung decise di trasferire la capitale imperiale nella provincia di Nghệ An . Ordinò a Trần Quang Diệu di costruire una nuova cittadella ai piedi della collina di Kỳ Lân (la moderna collina di Quyết a Vinh ). La nuova cittadella fu chiamata Phượng Hoàng Trung Đô (鳳凰中都). [20]

Thăng Long fu ribattezzato Bắc Thành (北城). Sơn Nam (山南) diviso in due trấn ("città"): Sơn Nam Thượng (山南上 "Upper Sơn Nam") e Sơn Nam Hạ (山南下 "Lower Sơn Nam"). Ogni trấn aveva due alti funzionari: Trấn-thủ (鎮守 "viceré") e Hiệp-trấn (協鎮 "viceré"). Ogni huyện ("distretto") aveva due funzionari: phân-tri (分知), il funzionario civile, si occupava del contenzioso giudiziario; phân-suất (分率), l'ufficiale militare, si occupava delle provviste dell'esercito. [20]

Il sistema ufficiale della dinastia Tây Sơn non è stato menzionato nei documenti ufficiali, ma potremmo trovare diversi nomi di posizioni ufficiali nei documenti storici, come tam công (三公), tam thiếu (三少), Đại-chủng-tể (大冢宰), Đại-tư-đồ (大司徒), Đại-tư-khấu (大司寇), Đại-tư-mã (大司馬), Đại-tư-không (大司空), Đại-tư-cối (大司會), Đại-tư-lệ (大司隸), Thái-úy (太尉), Đại-tổng-quản (大總管), Đại-đổng-lý (大董理), Đại-đô-đốc (大都督), Đại-đô-hộ (大都護), Trung-thư-sảnh (中書廳),Trung-thư-lệnh (中書令), Đại-học-sĩ (大學士), Hiệp-biện đại-học-sĩ (協辦大學士), Thị-trung ngự-sử (侍中御史), Lục- bộ thượng-thư (六部尚書), Tả-hữu đồng-nghị (左右同議), Tả-hữu phụng-nghị (左右奉議), Thị-lang (侍郎), Tư-vụ (司務), Hàn- lâm (翰林), ecc. [20]

Il sistema delle unità militari : a đạo (道) era composto da diversi (奇), a era composto da diversi đội (隊). Quang Trung organizzò l'esercito in cinque ali principali: tiền-quân ("esercito del fronte"), hậu-quân ("esercito del retro"), trung-quân ("esercito del centro"), tả-quân ( "esercito della sinistra"), hữu-quân ("esercito della destra"). L'esercito di Tây Sơn fu reclutato con la coscrizione forzata. Scegli uno su tre maschi adulti ( đinh丁), il prescelto dovrebbe arruolarsi nell'esercito. [20]

Maschi adulti di tutto il paese divisi in tre scale per pagare le tasse in corvée ( sưu dịch ) e capitation ( thuế thân ): vị cập cách (未及格), dai 2 ai 17 anni; tráng hạng (壯項), dai 18 ai 55 anni; lão hạng (老項); dai 56 ai 60 anni; lão nhiêu (老饒), oltre 61 anni. Diverse scale avevano diversi standard di riscossione delle tasse. [20]

Gli agricoltori dovevano pagare una quantità fissa di grano come tassa. Terreno agricolo di proprietà pubblica suddiviso in tre scale: la prima scala pagava 150 bát (鉢, unità di peso) per mẫu (unità di superficie); la seconda scala, 80 bát per mẫu ; la terza scala, 50 bát per mẫu . Terreni agricoli di proprietà privata anch'essi suddivisi in tre scale: la prima scala, 40 bát per mẫu ; la seconda scala, 30 bát per mẫu ; la terza scala, 20 bát per mẫu . [20]

C'erano anche due tasse aggiuntive sui terreni agricoli: tiền thập-vật (錢什物) e tiền khoán-khố (錢券庫). Terreno agricolo di proprietà pubblica: pagato 1 tiền (unità di valuta) per mẫu per thập-vật , 50 đồng per mẫu per khoán-khố ; terreno agricolo di proprietà privata: pagato 1 tiền per mẫu per thập-vật , 30 đồng per mẫu per khoán-khố . [20]

Quang Trung ha introdotto il sistema della carta d'identità per governare la grande popolazione. Durante il suo regno fu condotto un censimento. Ad ogni maschio adulto veniva concesso tín bài (信牌), una tessera di legno su cui erano riportati il ​​suo nome, luogo di nascita e impronte digitali . Se qualcuno non avesse avuto la tessera di legno, sarebbe stato arrestato e imprigionato con i lavori forzati . [20]

Quang Trung ha anche sostituito la tradizionale scrittura cinese con il vietnamita Chữ Nôm come lingua scritta ufficiale del paese. Agli esaminatori fu ordinato di scrivere Chữ Nôm durante l'esame imperiale . Sebbene questa politica sia stata criticata in quel momento, gli studiosi moderni hanno affermato che aveva un significato progressivo. [20]

Durante il suo regno fu attuata una riforma religiosa. Molti piccoli monasteri buddisti furono chiusi e fusi in altri più grandi. I monaci dovevano superare un esame, altrimenti sarebbe stato loro ordinato di tornare alla vita secolare. [20] Quang Trung adottò anche una politica di tolleranza religiosa. La sua tolleranza religiosa gli valse il sostegno della crescente comunità cristiana e la sua campagna della gente comune contro le élite tradizionali gli valse l'ammirazione della maggioranza contadina.

Piani per invadere la Cina [ modifica ]

armi dell'esercito di Tây Sơn

Dopo la sconfitta della Cina, un principe Lê, Lê Duy Chỉ (黎維祗), fuggì a Tuyên Quang e Cao Bằng . Lì, Chỉ era supportato dal capo nativo Nùng Phúc Tấn (儂福縉) e Hoàng Văn Đồng (黃文桐). Chỉ escogitò un piano per unire Vientiane e Muang Phuan in una rivolta della dinastia Tây Sơn. Un esercito sotto Trần Quang Diệu conquistò Muang Phuan e giustiziò i loro capi. Quindi, l'esercito invase il Regno di Vientiane; re Nanthasen fuggì, Tây Sơn marciò a ovest fino al confine del Siam. L'esercito vittorioso attaccò Bảo Lộc, catturò Lê Duy Chỉ, Nùng Phúc Tấn, Hoàng Văn Đồng e li fece giustiziare. Cavalli, elefanti e tamburi da guerra furono portati in Vietnam come bottino di guerra, poi consegnati alla Cina Qing come tributo, Quang Trung lo fece per mostrare potere alla Cina. Quang Trung chiese anche l'esenzione dai dazi doganali e stabilì uno yá háng (牙行, casa di broker nell'antica Cina) a Nanning , entrambi concordati dall'imperatore Qianlong. [7]

C'era una disputa territoriale vicino al confine sino-vietnamita. I vietnamiti affermarono che questo territorio apparteneva alla provincia di Tuyên Quang e alla provincia di Hưng Hóa , ma fu occupato illegalmente dal capo indigeno del Guangxi negli ultimi anni della dinastia Lê. Quang Trung ha scritto una lettera a Fuk'anggan, chiedendogli di restituire questo territorio. Fuk'anggan ha rifiutato e ha risposto che il confine era stato delimitato. Quang Trung era risentito, da allora in poi iniziò ad addestrare i suoi soldati e costruire molte grandi navi da guerra, pianificando di invadere Liangguang . Si diceva che Quang Trung disprezzasse l'imperatore Qianlong. Ha detto ai suoi ministri che se gli fosse concesso più tempo per addestrare i soldati, non avrebbe avuto paura di entrare in conflitto con la Cina. [7]

Nguyễn Huệ era risentito, addestrò il suo esercito, costruì grandi navi da guerra e attese l'opportunità di vendicarsi della Cina. Ha anche fornito rifugio alle organizzazioni anti-Manchu come il Tiandihui e il White Lotus . Famigerati pirati cinesi , come Chen Tien-pao (陳添保), Mo Kuan-fu (莫觀扶), Liang Wen-keng (梁文庚), Fan Wen-tsai (樊文才), Cheng Chi (鄭七) e Cheng I (鄭一) furono concesse posizioni ufficiali e/o gradi nobiliari sotto l'impero Tây Sơn. [29]Con il sostegno della dinastia Tây Sơn, il numero dei pirati cinesi crebbe rapidamente, furono in grado di bloccare le rotte marittime e molestarono le coste della Cina. [29] [30] L'attacco alla Cina non si realizzò mai quando Quang Trung morì nel 1792. [7] [31]

Nel 1792 Quang Trung decise di invadere la Cina. C'erano prove che aveva l'intenzione di conquistare la Cina meridionale . [29] Quang Trung tentò di sposare una principessa cinese e chiese che Liangguang fosse ceduta al Vietnam come dote. Sapeva che l'imperatore Qianlong non avrebbe accettato la sua richiesta irragionevole; voleva solo una scusa per la guerra. Ma alla fine, il messaggero Võ Chiêu Viễn (武招遠) non partì perché Quang Trung si ammalò. [20] [7]

Ultimi anni [ modifica ]

Quang Trung si ammalò improvvisamente. I registri ufficiali non menzionavano quale malattia avesse. Gli storici provvisori hanno affermato che la sua morte era probabilmente dovuta a un ictus . [32] [33] La leggenda narra che sia morto proprio perché punito dagli spiriti dei signori Nguyễn morti le cui tombe ha gravemente insultato. [7]

Quang Trung chiamò Trần Quang Diệu a Phú Xuân . Ha fissato un programma per spostare la capitale a Phượng Hoàng trung đô (l'attuale Vinh ) insieme agli alti ministri. A quel tempo, ottenne l'informazione che Nguyễn Ánh aveva catturato Bình Thuận , Bình Khang (l' odierna Ninh Hòa ) e Diên Khánh . Era depresso e presto si ammalò gravemente. Sul letto di morte, Quang Trung era preoccupato per il futuro della dinastia Tây Sơn. Ha descritto il principe ereditario Nguyễn Quang Toản come "un ragazzo intelligente ma troppo giovane", ha descritto Nguyễn Nhạccome "un vecchio rassegnato allo stato attuale delle cose". Il suo testamento ordinava di essere sepolto entro un mese; tutti i ministri ei generali dovrebbero essere uniti come uno per assistere il principe ereditario; e spostare la capitale a Phượng Hoàng trung đô il prima possibile. In caso contrario, un giorno verranno tutti uccisi da Nguyễn Ánh. [7]

Quang Trung fu sepolto sulla sponda meridionale del fiume Perfume . [7] Fu sepolto in segreto; Ngô Thì Nhậm affermò che Quang Trung fu sepolto nel palazzo di Đan Dương ( cung điện Đan Dương ). La posizione esatta non era chiara; Nguyễn Đắc Xuân , un ricercatore culturale, credeva che fosse situato nel villaggio di Bình An, Huế . [34]

Quang Trung ricevette il nome del tempio Thái Tổ (太祖) e il nome postumo Vũ Hoàng đế (武皇帝) dal suo successore, Nguyễn Quang Toản. Ottenendo le informazioni, Nguyễn Nhạc si preparò per partecipare al suo funerale, tuttavia la strada fu bloccata da Toản. Nhạc dovette tornare e mandò una sorella a partecipare al funerale. [7]

Il piano per invadere la Cina fu abbandonato. Nguyễn Quang Toản costruì per lui una finta tomba a Linh Đường (苓塘, un luogo nel moderno distretto di Thanh Trì ). Quindi Toản riferì la sua morte all'imperatore Qianlong : "Ho seguito la volontà di mio padre, l'ho sepolto a Linh Đường invece della sua terra natale perché era riluttante a lasciare il tuo palazzo, e Linh Đường era più vicino al tuo palazzo". L'imperatore Qianlong lodò Quang Trung, gli diede il nome postumo Trung Thuần (忠純lett . "lealtà e sincerità"). Compose anche un'orazione funebre per Quang Trung. Nell'orazione, l'imperatore Qianlong scrisse: "(Hai) benedetto (me) e promesso fedeltà (a me) nel più meridionale, (così io) ti ho approvato per partecipare (mia) corte imperiale;(ora tu) riposati accanto al Lago dell'Ovest, (sei) nostalgico (dei bei vecchi tempi nel) mio palazzo fino alla morte." (祝釐南極効忠特獎其趨朝 妥魄西湖沒世無忘於戀闕). L'orazione è stata incisa su una pietra , ed eretto accanto alla sua finta tomba. Un funzionario cinese fu inviato a Linh Đường per porgere le condoglianze e concesse a Nguyễn Quang Toản il titolo di An Nam quốc vương ("Re di Annam"). [35] [20] [7]

La caduta della dinastia Tây Sơn [ modifica ]

Tuttavia, Nguyễn Quang Toản (ora incoronato imperatore Cảnh Thịnh) non continuò la politica di suo padre. Il sistema della carta d'identità fu abolito e la capitale rimase a Phú Xuân. Alti ministri e generali hanno lottato per il potere, il che ha portato al declino del suo impero.

La dinastia Tây Sơn fu rovesciata da Nguyễn Ánh nel 1802 dopo dieci anni di guerra. I figli di Quang Trung: Nguyễn Quang Toản, Nguyễn Quang Thùy , Nguyễn Quang Duy (阮光維), Nguyễn Quang Thiệu (阮光紹) e Nguyễn Quang Bàn (阮光盤), furono catturati vivi. Nguyễn Quang Thùy si suicidò; gli altri furono giustiziati facendo smembrare i loro corpi facendo tirare gli arti e la testa a cinque elefanti (五象分屍). [36] Le tombe di Nguyễn Nhạc e Nguyễn Huệ furono rase al suolo, i loro resti furono dissotterrati e ridotti in cenere. I teschi di Nguyễn Nhạc, Nguyễn Huệ e moglie di Huệ, furono rinchiusi in prigione per sempre. Si diceva che Nguyễn Huệ avesse già profanato le tombe dei signori Nguyễn, [7] Nguyễn Ánh lo fece per "vendicare gli antenati".[36]

La dinastia Tây Sơn era considerata un regime illegale durante la dinastia Nguyễn ; è stato menzionato come Nguỵ Tây (僞西 "False Tây"), o Tây tặc (西賊 "Bandit Tây") nei documenti ufficiali di Nguyễn per evidenziare la presunta illegittimità della dinastia.

Eredità [ modifica ]

Nguyễn Huệ, come raffigurato sulla banconota da 200 ng del Vietnam del Sud .

Nguyễn Huệ era considerato il salvatore nazionale del Vietnam e una delle figure più popolari del paese. [37]

Nguyễn Huệ è stato divinizzato nella cultura vietnamita, Bộc Pagoda ( Chùa Bộc ) ad Hanoi era un tempio per lui. [ citazione necessaria ]

Nguyễn Huệ è stato raffigurato sulla banconota da 200 ng sudvietnamita . [38]

La maggior parte delle città del Vietnam, indipendentemente dall'orientamento politico del governo, gli ha intitolato le strade principali. [39]

Tây Sơn hào kiệt , un film vietnamita, era basato sulla sua storia. [ citazione necessaria ]

Vedi anche [ modifica ]

Note [ modifica ]

  1. ^ Vietnamita originale: " Tây khởi nghĩa, Bắc thu công ".
  2. ^ Vietnamita originale: " Phu Lê diệt Trịnh ".
  3. ^ a b Nguyễn Huệ era indicato come Ong Bai ( องบาย ) e Bak Bin Yuang ( บากบินเยือง ) nei registri reali siamesi; [18] queste due parole derivano rispettivamente dalle parole vietnamite Ông Bảy (" Signori sette") e Bắc Bình Vương . In realtà, siamese lo ha confuso con suo fratello Nguyễn Lữ. Ông Bảy era il soprannome di Nguyễn Lữ . [19] [13]
  4. ^ Vietnamita originale: " Nỡ lòng nào lại nồi da nấu thịt như thế? ", Cino -vietnamita originale: " Bì oa chử nhục, đệ tâm hà nhẫn? "

Riferimenti [ modifica ]

  1. ^ a b Lý Văn Phức , Dã sử lược biên Đại Việt quốc Nguyễn triều thực lục , vol. 9
  2. ^ Patricia M. Pelley Vietnam postcoloniale: nuove storie del passato nazionale – 2002– p. 191 "La gente del Nord, che accolse calorosamente Nguyễn Huệ, formò eserciti di contadini per aiutarlo a fare la guerra contro i Trịnh. Così, il movimento che era iniziato a Qui Nhơn arrivò a inghiottire tutto il Vietnam."
  3. ^ Théophile Le Grand de la Liraye Notes historiques sur la nation annamite
  4. ^ In vietnamita: Trung chi II họ Hồ Quỳnh Đôi Tiểu chi Cụ Án, Trung chi 5
  5. ^ In Vietnamita Việt Nam sử lược , Trần Trọng Kim , p. 70,
  6. ^ In vietnamita: Khâm Định Việt Sử thông Giám Khương Mục, Quốc sử quán triều Nguyễn, p. 294
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p i Nam chính biên liệt truyện , vol. 30
  8. ^ Tạ Chí Đại Trung (1973). Lịch sử Nội Chiến Việt Nam 1771-1802 . Sài Gòn: Nhà xuất bản Văn Sử Học. P. 49..
  9. ^ Les Espagnols dans l'Empire d'Annam , sacerdote cattolico spagnolo Diego de Jumilla.
  10. ^ a b c d e f g Vietnamita: Lịch Sử Việt Nam: Từ Thượng Cổ Đến Thời Hiện Đại: Nhà Tây Sơn (1771–1802) Vietnam Ministero della cultura e dell'informazione. Accesso 16-11-2007
  11. ^ a b c d e f g h i Vietnamita: Việt Nam Sử Lược PHẦN IV: Tự Chủ Thời-Đại Thời Kỳ Nam Bắc Phân Tranh (1528–1802) Trần Trọng Kim. Accesso 16-11-2007
  12. ^ Việt Nam sử lược , Quyển 2, Tự chủ thời đại, Chương 8
  13. ^ a b Tương quan Xiêm – Việt cuối thế kỉ XVIII
  14. ^ เจ้าพระยาทิพากรวงศ์ (ขำ บุนนาค) . "19. " . รัชกาลที่ 1 .
  15. ^ a b Việt Nam sử lược , Quyển 2, Tự chủ thời đại, Chương 9
  16. ^ a b c d e f g h Việt Nam sử lược , Quyển 2, Tự chủ thời đại, Chương 10
  17. ^ Đại Việt sử ký toàn thư , Basic Records, compilation continua 5
  18. ^ เจ้าพระยาทิพากรวงศ์ (ขำ บุนนาค) . "11. " . รัชกาลที่ 1 .
  19. ^ Tương quan Xiêm – Việt cuối thế kỷ 18 p. 60
  20. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Việt Nam sử lược , Quyển 2, Tự chủ thời i, Chương 11
  21. ^ a b Progetto di storia di Qing , vol. 527
  22. ^ Tucker, Spencer C. L'enciclopedia della guerra del Vietnam: una storia politica, sociale e militare [4 volumi] . ABC-CLIO, 20 maggio 2011; P. 454
  23. ^ Anderson, James A.; Whitmore, John K. (2014). Incontri della Cina nel sud e nel sud-ovest: riforgiare l'ardente frontiera per due millenni . Manuale di studi orientali. Sezione 3 Sud-est asiatico (ristampa, rivista ed.). BRILLANTE. P. 309. ISBN 978-9004282483.
  24. ^ Annam e la sua valuta minore , capitolo 16.
  25. ^ "新疆曾有大批越南皇室后裔,乾隆时期投靠中国并前往乌鲁木齐开荒" (in cinese). 27 maggio 2018.
  26. ^ Thái Mỹ (24 aprile 2019). "Con trai vua Lê Thế Tông ở đất Thanh Châu" (in vietnamita).
  27. ^ Lê Tiên Long (9 dicembre 2018). "Dopo che Minh Mang regnò nella dinastia Nguyen, perché deportò i discendenti reali di Le nel Vietnam meridionale?" (in vietnamita).
  28. ^ a b c d e f Wang, Wensheng (2014). "Capitolo sette: La crisi dei pirati e la diplomazia estera" . Ribelli del loto bianco e pirati della Cina meridionale . Pressa dell'Università di Harvard . ISBN 9780674727991.
  29. ^ a b c Murray, Dian H. (1987). "3". Pirati della costa della Cina meridionale, 1790-1810 . Stampa dell'università di Stanford . ISBN 978-0-8047-1376-4. OL  2381407M .
  30. ^ Hoàng Lê nhất thống chí , capitolo. 15
  31. ^ Antonio, Roberto (2014). "Violenza marittima e formazione dello stato in Vietnam: pirateria e ribellione di Tay Son, 1771-1802" . In Amirel, S.; Müller, L.; Amirell, Stefan Eklöf (a cura di). Pirateria persistente: violenza marittima e formazione dello stato nella storia globale . Palgrave Macmillan .
  32. ^ Le Văn Quý (2001). "Bí mật quanh cái chết của vua Quang Trung" . Địa chí lịch sử Bình Định . Thư Viện Bình Định.
  33. ^ In vietnamita: Quang Trung Nguyễn Huệ (1753–1792) Vietsciences consultato il 14-11-2007
  34. ^ "Đi tìm lăng mộ vua Quang Trung" . Tiền Phong . 31 marzo 2007 . Estratto il 4 novembre 2018 .
  35. ^ Hoàng Lê nhất thống chí , capitolo. 16
  36. ^ a b Đại Nam thực lục chính biên , kỷ 1, vol. 19
  37. ^ "Progettazione della statua dell'antenato nazionale Hùng re e famosi eroi nazionali" . bvhttdl.gov.vn . Ministero della Cultura, dello Sport e del Turismo (Vietnam) . Estratto il 13 novembre 2021 .
  38. ^ "Vietnam del Sud 200 Dong 1966" .
  39. ^ Mappa del paese del Vietnam . Mappe di viaggio Periplo. 2002-2003. ISBN 0-7946-0070-0.
Quang Trung
Nato: 1753 Morto: 1792 
titoli di regno
Preceduto da Imperatore di Đại Việt
1788–1792
seguito da