Lê Chiêu Thống

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Chiêu Thống imperatore
昭統帝
Funzionari cinesi ricevono l'imperatore vietnamita deposto Le Chieu Thong2.jpg
Funzionari cinesi Qing ricevono l'imperatore vietnamita deposto Lê Chiêu Thống
Imperatore di Đại Việt
Regno1786–1789
PredecessoreLê Hiển Tông
SuccessoreQuang Trung della dinastia Tây Sơn
Reggente
Nato1765
Dongkinh , i Việt
Morto1793 (27-28 anni)
Pechino , Cina Qing
Sepolturanovembre 1804
Villaggio di Bàn Thạch, Thanh Hoa , Việt Nam
nomi
Lê Duy Khiêm (黎維Carattere nominale ⿰礻兼 (2).svg)
Lê Duy Kỳ (黎維祁)
Date dell'era
Chiêu Thống (昭統)
nome postumo
Mẫn Hoàng đế (愍皇帝)
CasaDinastia Le
PadreLe Duy Vĩ
MadreImperatrice vedova Mẫn
Nome del regno
alfabeto vietnamitaLê Chiêu Thống
Hán-Nôm
Nome personale
alfabeto vietnamitaLe Duy Kỳ
Hán-Nôm

Lê Chiêu Thống (1765–1793), nato Lê Duy Khiêm e in seguito Lê Duy Kỳ , fu l'ultimo imperatore della dinastia vietnamita dei . Fu rovesciato dalla dinastia Tây Sơn . Ha fatto appello alla dinastia Qing della Cina per aiutare a riconquistare il trono, ma non è riuscito dopo aver perso la battaglia di Ngọc Hồi-Đống Đa . In seguito, non ricevette più il sostegno dell'imperatore Qing, i parenti della famiglia Lê furono imprigionati in Vietnam e morì in Cina.

Primi anni [ modifica ]

Lê Duy Khiêm era il figlio maggiore di Lê Duy Vĩ che fu il primo principe ereditario dell'imperatore Lê Hiển Tông . [1] Dopo che il padre di Khiêm fu ucciso dal nono signore Trịnh Trịnh Sâm nel 1771, fu imprigionato. [1] Nel 1783, il signore Trịnh Khải depose il principe ereditario Lê Duy Cận e nominò Lê Duy Khiêm principe ereditario della dinastia Lê . [1]

Successione e regno [ modifica ]

Funzionari cinesi che ricevono il deposto Le Chieu Thong

Nel 1786, il generale Tây Sơn Nguyễn Huệ condusse il suo esercito nel nord del Vietnam e distrusse la casa dei signori Trịnh . [2] L'anno successivo, 1787, l'imperatore Lê Lê Hiển Tông morì per cause naturali, e Nguyễn Huệ installò Lê Duy Khiêm sul trono come imperatore Lê Chiêu Thống e poi ritirò quasi tutte le sue truppe a Phú Xuân . [1] [2] I membri di Trịnh Lords hanno approfittato dell'assenza di Nguyễn Huệ. Due eredi Trinh, Trịnh Bồng e Trịnh Lệ , apparvero e fecero le loro pretese al trono del signore. l'imperatore Lê Chiêu Thống nominò Trinh Bong come il prossimo signore di Trịnh, il che scatenò la rivolta di Trịnh Lệ.[3] Dopo aver soppresso le forze di Trịnh Lệ, Trịnh Bồng divenne l'uomo più potente del Vietnam del nord, ma la sua leadership era pessima. [3] L'intero Vietnam del nord sprofondò nel caos, costringendo così il re Lê Chiêu Thống a chiedere assistenza a Nguyễn Hữu Chỉnh , governatore di Tây Sơn di Nghệ An . [3] Nguyen Huu Chinh guidò un esercito che marciò verso nord, sconfisse facilmente l'esercito di Trinh, costrinse Trinh Bong a fuggire e catturò Thăng Long. [3] Dopo aver pacificato la regione, Nguyen Huu Chinh abusò del potere per i propri interessi, compromettendo così lo status politico di Nguyễn Huệ. [2] [4] [5]

Nome di nascita
alfabeto vietnamitaLê Duy Khiêm
Hán-NômCarattere nominale ⿰礻兼 (2).svg

Dopo aver appreso delle azioni di Nguyễn Hữu Chỉnh, Nguyễn Huệ inviò a nord un generale di nome Vũ Văn Nhậm con un esercito per attaccare Thăng Long (ora Hanoi). [2] Vu Van Nham sconfisse e uccise rapidamente Nguyen Huu Chinh e occupò Thăng Long, ma poi prese lui stesso il potere. Nguyễn Huệ inviò altri due generali per sopprimere Vu Van Nham e riconquistò Thăng Long. [2] Nel frattempo, Lê Chiêu Thống fuggì nell'estremo nord del Vietnam e rifiutò gli inviti di Nguyễn Huệ a tornare. [2] ha raccolto un piccolo esercito di Le lealisti dinastia e mandò la sua famiglia in Cina per cercare aiuto dal imperatore Qianlong della dell'Impero Qing . [2] [6]L'imperatore Qianlong accettò e inviò un enorme esercito nel Vietnam del nord. Sotto la bandiera del re Lê, il grande esercito Qing cacciò facilmente Tây Sơn dal Vietnam del nord e prese il controllo di Thăng Long. [7] Dopo l'occupazione Qing del Vietnam settentrionale, il viceré Qing Sun Shiyi [a] reinstallò Lê Chiêu Thống come governante fantoccio. [6] Sebbene Lê Chiêu Thống non avesse molto potere di governo, iniziò a prendersi una sanguinosa vendetta sui sostenitori di Tây Sơn e costrinse le persone a fornirgli cibo nonostante la guerra e la carestia. [7]

Le azioni di Lê Chiêu Thống e l'invasione Qing diedero a Nguyễn Huệ una buona possibilità di prendere ufficialmente il trono e guadagnare popolarità tra i vietnamiti del nord. Il 22 dicembre 1788, Nguyễn Huệ si proclamò imperatore Quang Trung e dichiarò formalmente che la dinastia Lê era finita. Ha poi guidato una marcia dell'esercito a nord. [6] Sebbene l'esercito Tây Sơn fosse più piccolo, sconfissero le truppe Qing impreparate in una serie di battaglie durante la celebrazione del capodanno lunare del 1789 e costrinsero il resto dell'esercito Qing a fuggire confuso. [8] [9] Lê Chiêu Thống fuggì in Cina che segnò la fine della dinastia Lê . [8]

Lê Chiêu Thống ei lealisti di alto rango Lê sono fuggiti dal Vietnam per chiedere asilo nella Cina Qing e sono andati a Pechino . Lê Chiêu Thống è stato nominato mandarino cinese di quarto rango nello stendardo Han Yellow Bordered , mentre i lealisti di livello inferiore sono stati inviati a coltivare la terra del governo e ad unirsi all'esercito dello stendardo verde nel Sichuan e nello Zhejiang . Adottarono l'abbigliamento Qing e adottarono l'acconciatura a coda, diventando effettivamente sudditi naturalizzati della dinastia Qing offrendo loro protezione contro le richieste di estradizione vietnamite. [10] [11] I discendenti moderni del monarca Lê vivono nel sud del Vietnam. [12] [13]

Monete emesse sotto il regno di Lê Chiêu Thống

Esilio e morte [ modifica ]

Dopo la guerra, Nguyễn Huệ inviò alla Cina una richiesta di riconoscimento che fu accolta con condizioni. [14] L'Impero Qing riconobbe Nguyễn Huệ come nuovo sovrano del Vietnam e gli diede il titolo tradizionale di "An Nam Quốc Vương" (Re del Sud pacificato). [14] Da questo momento in poi, Lê Chiêu Thống non ricevette più il sostegno dell'Impero Qing della Cina. [15] Trascorse il resto della sua vita in Cina e morì nel 1793. [15]

Nel 1802, quando gli inviati della dinastia Nguyễn visitarono la Cina, i lealisti della dinastia Lê chiesero che l' imperatore Jiaqing permettesse loro di riportare i resti di Lê Chiêu Thống in Vietnam e l'imperatore acconsentì. [15] L'imperatore Jiaqing liberò anche tutti i seguaci di Lê Chiêu Thống che furono imprigionati in Cina. [15]

I resti di Lê Chiêu Thống sono sepolti nel villaggio di Bàn Thạch, Thanh Hóa , Vietnam . [15] Gli fu dato postumo il titolo Mẫn Đế (愍帝).

Note [ modifica ]

^ a. cinese: 孫士毅. Vietnamita:Tôn Sĩ Nghị.

Riferimenti [ modifica ]

  1. ^ a b c d Dang Viet Thuy & Dang Thanh Trung, p. 248.
  2. ^ a b c d e f g Tucker, pp. 17-18.
  3. ^ a b c d Chapuis, p. 151.
  4. ^ Trần Trọng Kim, pp. 356-357.
  5. ^ Dutton, p. 104.
  6. ^ a b c Dutton, pp. 106-107.
  7. ^ a b Chapuis, p. 154.
  8. ^ a b Ooi, p. 780.
  9. ^ Dutton, p. 107.
  10. ^ Anderson, James A.; Whitmore, John K. (2014). Incontri della Cina nel sud e nel sud-ovest: riforgiare la frontiera infuocata per due millenni . Manuale di studi orientali. Sezione 3 Sud-Est asiatico (ristampa, rivista ed.). BRILLANTE. P. 309. ISBN 978-9004282483.
  11. ^ Annam e la sua valuta minore , capitolo 16.
  12. ^ Thái Mỹ (24 aprile 2019). "Con trai vua Lê Thế Tông ở đất Thanh Châu" (in vietnamita).
  13. ^ Lê Tiên Long (9 dicembre 2018). "Dopo che Minh Mang regnò la dinastia Nguyen, perché deportò i discendenti reali di Le nel Vietnam meridionale?" (in vietnamita).
  14. ^ a b Dutton, p. 108.
  15. ^ a b c d e Trần Trọng Kim, pp. 372-373.

Bibliografia [ modifica ]

Preceduto da
Imperatore del Vietnam
1786-1789
seguito da