Giorgio II di Gran Bretagna

Articolo in primo piano

Giorgio II
Giorgio seduto su un trono
Ritratto di Thomas Hudson , 1744
Re di Gran Bretagna e Irlanda ,
Elettore di Hannover
Regno22/11 [a] giugno 1727 –
25 ottobre 1760
Incoronazione22/11 [a] ottobre 1727
PredecessoreGiorgio I
SuccessoreGiorgio III
Nato30 ottobre / 9 novembre 1683 [a]
Herrenhausen Palace , [2] o Leine Palace , [3] Hannover
Morto25 ottobre 1760 (1760-10-25)(76 anni)
Kensington Palace , Londra, Inghilterra
Sepoltura11 novembre 1760
Sposa
( m.  1705 ; morto  nel 1737 )
Dettaglio
problema
Nomi
George Augustus
Tedesco: Georg August
CasaHannover
PadreGiorgio I di Gran Bretagna
MadreSofia Dorotea di Celle
Religioneprotestante [4]
FirmaLa firma di George in corsivo

Giorgio II (George Augustus; tedesco: Georg August ; 30 ottobre / 9 novembre 1683 [a]  – 25 ottobre 1760) fu re di Gran Bretagna e Irlanda , duca di Brunswick-Lüneburg ( Hannover ) e principe elettore del Sacro Romano Impero Impero dall'11 giugno 1727 ( OS ) fino alla sua morte nel 1760.

Nato e cresciuto nel nord della Germania , George è l'ultimo monarca britannico nato fuori dalla Gran Bretagna. L' Act of Settlement 1701 e gli Acts of Union 1707 posizionarono sua nonna Sophia di Hannover e i suoi discendenti protestanti per ereditare il trono britannico. Nel 1705 Giorgio sposò Carolina di Ansbach , dalla quale ebbe otto figli. Dopo la morte della nonna di George e di Anne, regina di Gran Bretagna , nel 1714, il padre di George, l' elettore di Hannover , salì al trono britannico come Giorgio I.. Nei primi anni del regno di suo padre come re, il principe George fu associato ai politici dell'opposizione fino a quando non si unirono nuovamente al partito di governo nel 1720.

Come re dal 1727, George esercitò uno scarso controllo sulla politica interna britannica, che era in gran parte controllata dal Parlamento della Gran Bretagna . Come elettore ha trascorso dodici estati ad Hannover, dove aveva un controllo più diretto sulla politica del governo. Ha avuto un rapporto difficile con il figlio maggiore, Federico , che ha sostenuto l'opposizione parlamentare. Durante la guerra di successione austriaca , Giorgio partecipò alla battaglia di Dettingen nel 1743, diventando così l'ultimo monarca britannico a guidare un esercito in battaglia. Nel 1745 i sostenitori del pretendente cattolico al trono britannico, James Francis Edward Stuart ("The Old Pretender"), guidati dal figlio di JamesCharles Edward Stuart ("The Young Pretender" o "Bonnie Prince Charlie"), tentò senza riuscirci di deporre George nell'ultima delle ribellioni giacobite . Federico morì improvvisamente nel 1751, nove anni prima del padre; A Giorgio successe il figlio maggiore di Federico, Giorgio III .

Per due secoli dopo la morte di Giorgio II, la storia tendeva a guardarlo con disprezzo, concentrandosi sulle sue amanti, irascibilità e rozzezza. Da allora, la rivalutazione della sua eredità ha portato gli studiosi a concludere che ha esercitato più influenza nella politica estera e negli incarichi militari di quanto si pensasse in precedenza.

Primi anni di vita

Sophia Dorothea e i suoi due figli
Giorgio da ragazzo con sua madre, Sofia Dorotea di Celle , e sua sorella, Sofia Dorotea di Hannover

George è nato nella città di Hannover in Germania, seguito da sua sorella, Sophia Dorothea , tre anni dopo. I loro genitori, George Louis, principe ereditario di Brunswick-Lüneburg (in seguito re Giorgio I di Gran Bretagna ), e Sophia Dorothea di Celle , commisero entrambi adulterio. Nel 1694 il matrimonio fu sciolto con il pretesto che Sophia Dorothea aveva abbandonato il marito. [5] È stata confinata ad Ahlden House e le è stato negato l'accesso ai suoi due figli, che probabilmente non hanno mai più rivisto la madre. [6]

George parlava solo francese, la lingua della diplomazia e della corte, fino all'età di quattro anni, dopodiché gli fu insegnato il tedesco da uno dei suoi tutori, Johann Hilmar Holstein. [7] Oltre al francese e al tedesco, imparò anche l'inglese e l'italiano e studiò con particolare diligenza la genealogia, la storia militare e le tattiche di battaglia. [8]

La cugina di secondo grado di George , una volta rimossa , la regina Anna , salì al trono di Inghilterra , Scozia e Irlanda nel 1702. Non aveva figli sopravvissuti e, con l' Atto di insediamento del 1701 , il parlamento inglese designò i parenti di sangue protestanti più stretti di Anne , la nonna di George Sophia e i suoi discendenti, come eredi di Anna in Inghilterra e in Irlanda. Di conseguenza, dopo sua nonna e suo padre, George era il terzo in fila per succedere ad Anne in due dei suoi tre regni. Fu naturalizzato come suddito inglese nel 1705 dal Sophia Naturalization Act , e nel 1706 fu nominatoCavaliere della Giarrettiera e creato Duca e Marchese di Cambridge , Conte di Milford Haven, Visconte Northallerton e Barone Tewkesbury nella nobiltà d'Inghilterra . [9] L'Inghilterra e la Scozia si unirono nel 1707 per formare il Regno di Gran Bretagna e accettarono congiuntamente la successione come previsto dall'Atto di regolamento inglese. [10]

Matrimonio

Il padre di George non voleva che suo figlio entrasse in un matrimonio combinato senza amore come aveva fatto lui e voleva che avesse l'opportunità di incontrare la sua sposa prima che venissero presi accordi formali. [11] I negoziati del 1702 per la mano della principessa Hedvig Sophia di Svezia , duchessa vedova e reggente dell'Holstein-Gottorp , andarono a vuoto. [12] Nel giugno 1705, sotto il falso nome "Monsieur de Busch", Giorgio visitò la corte di Ansbach nella sua residenza estiva a Triesdorf per indagare in incognito su una prospettiva di matrimonio: Carolina di Ansbach , l'ex rione di sua zia, la regina Sofia Carlotta di Prussia. L'inviato inglese ad Hannover, Edmund Poley, ha riferito che George era così preso dal "buon carattere che aveva di lei che non avrebbe pensato a nessun altro". [13] Un contratto di matrimonio è stato concluso entro la fine di luglio. [14] Il 22 agosto / 2 settembre 1705 [a] Carolina arrivò ad Hannover per il suo matrimonio, che si tenne la sera stessa nella cappella di Herrenhausen . [11]

George desiderava partecipare alla guerra contro la Francia nelle Fiandre , ma suo padre si rifiutò di lasciarlo entrare nell'esercito in un ruolo attivo fino a quando non ebbe un figlio ed erede. [15] All'inizio del 1707 le speranze di Giorgio si avverarono quando Carolina diede alla luce un figlio, Federico . [16] A luglio Caroline si ammalò gravemente di vaiolo e George contrasse l'infezione dopo essere rimasto devotamente al suo fianco durante la sua malattia. [17] Entrambi guarirono. Nel 1708 Giorgio partecipò alla battaglia di Oudenarde all'avanguardia della cavalleria di Hannover; il suo cavallo e un colonnello immediatamente accanto a lui furono uccisi, ma George sopravvisse illeso. [18]Il comandante britannico, Marlborough , ha scritto che George "si è distinto estremamente, caricando alla testa e animando con il suo esempio le truppe [hannoveriane], che hanno svolto un buon ruolo in questa felice vittoria". [19] Tra il 1709 e il 1713 George e Caroline ebbero altri tre figli, tutte femmine: Anne , Amelia e Caroline . [20]

Nel 1714 la salute della regina Anna era peggiorata e i Whigs britannici , che sostenevano la successione di Hannover, ritennero prudente che uno degli Hannover vivesse in Inghilterra per salvaguardare la successione protestante alla morte di Anna. Poiché George era un pari del regno (come Duca di Cambridge), fu suggerito che fosse convocato in Parlamento per sedere alla Camera dei Lord . Sia Anne che il padre di George si rifiutarono di sostenere il piano, sebbene George, Caroline e Sophia fossero tutti favorevoli. [21] Giorgio non andò. Entro l'anno sia Sophia che Anne erano morte e il padre di George era re. [22]

Pricipe del Galles

Litigare con il re

Londra, c. 1710
Ritratto di Kneller, 1716

George e suo padre salparono per l'Inghilterra dall'Aia il 16/27 settembre 1714 e arrivarono a Greenwich due giorni dopo. [23] Il giorno seguente, entrarono formalmente a Londra in una processione cerimoniale. [24] George ricevette il titolo di Principe di Galles . Caroline seguì il marito in Gran Bretagna in ottobre con le loro figlie, mentre Frederick rimase ad Hannover per essere allevato da tutori privati. [25] Londra era diversa da qualsiasi cosa George avesse visto prima; era 50 volte più grande di Hannover, [b] e la folla era stimata fino a un milione e mezzo di spettatori. [27]George corteggiò la popolarità con volubili espressioni di lode per gli inglesi e affermò di non avere una goccia di sangue che non fosse inglese. [28]

Nel luglio 1716, il re tornò ad Hannover per sei mesi ea George furono concessi poteri limitati, come "Guardiano e Luogotenente del Regno", per governare in assenza del padre. [29] Fece un progresso reale attraverso Chichester , Havant , Portsmouth e Guildford nel sud dell'Inghilterra. [30] Agli spettatori fu permesso di vederlo cenare in pubblico all'Hampton Court Palace . [31] Un attentato alla sua vita al Theatre Royal, Drury Lane , in cui una persona è stata uccisa prima che l'aggressore fosse messo sotto controllo, ha aumentato il suo alto profilo pubblico. [32]

Suo padre diffidava o era geloso della popolarità di George, il che contribuì allo sviluppo di un pessimo rapporto tra loro. [33] La nascita nel 1717 del secondo figlio di George, il principe George William , si rivelò un catalizzatore per una lite familiare; il re, presumibilmente seguendo l'usanza, nominò Lord Chamberlain Thomas Pelham-Holles, primo duca di Newcastle , come uno degli sponsor battesimali del bambino. Il re si arrabbiò quando George, a cui non piaceva Newcastle, insultò verbalmente il duca al battesimo, che il duca fraintese come una sfida a duello. [c] George e Caroline furono temporaneamente confinati nei loro appartamenti per ordine del re, che successivamente bandì suo figlioSt James's Palace , la residenza del re. [35] Il principe e la principessa del Galles lasciarono la corte, ma i loro figli rimasero alle cure del re. [36]

A George e Caroline mancavano i loro figli e desideravano disperatamente vederli. In un'occasione visitarono segretamente il palazzo senza l'approvazione del re; Caroline è svenuta e George "ha pianto come un bambino". [37] Il re cedette parzialmente e permise loro di visitare una volta alla settimana, anche se in seguito concesse a Caroline l'accesso incondizionato. [38] Nel febbraio 1718, George William morì all'età di soli tre mesi, con suo padre al suo fianco. [39]

Opposizione politica

Bandito dal palazzo ed evitato dal proprio padre, il Principe di Galles fu identificato per diversi anni con l'opposizione alle politiche di Giorgio I, [40 ] che includevano misure progettate per aumentare la libertà religiosa in Gran Bretagna ed espandere i territori tedeschi di Hannover al spese della Svezia. [41] La sua nuova residenza londinese, Leicester House , divenne un frequente luogo di incontro per gli oppositori politici di suo padre, tra cui Sir Robert Walpole e Lord Townshend , che avevano lasciato il governo nel 1717. [42]

Il re visitò nuovamente Hannover da maggio a novembre 1719. Invece di nominare George alla tutela, istituì un consiglio di reggenza. [43] Nel 1720, Walpole incoraggiò il re e suo figlio a riconciliarsi, per amore dell'unità pubblica, cosa che fecero a malincuore. [44] Walpole e Townshend tornarono alla carica politica e si unirono nuovamente al ministero. [45] George fu presto deluso dai termini della riconciliazione; le sue tre figlie che erano affidate alle cure del re non furono restituite e gli fu ancora impedito di diventare reggente durante le assenze del re. [46]Arrivò a credere che Walpole lo avesse ingannato nel riavvicinamento come parte di un piano per riconquistare il potere. Negli anni successivi, Caroline e lui vissero tranquillamente, evitando un'aperta attività politica. Ebbero altri tre figli: William , Mary e Louisa , che furono allevati a Leicester House e Richmond Lodge , la residenza estiva di George. [47]

Nel 1721, il disastro economico della Bolla del Mare del Sud permise a Walpole di raggiungere l'apice del governo. [48] ​​Walpole e il suo partito Whig erano dominanti in politica, poiché il re temeva che i conservatori non avrebbero sostenuto la successione stabilita nell'Atto di insediamento . [49] Il potere dei Whigs era così grande che i Tories non sarebbero arrivati ​​a detenere il potere per un altro mezzo secolo. [50]

Regno

Giorgio che tiene uno scettro
Ritratto di Charles Jervas , c. 1727

Giorgio I morì l'11/22 giugno 1727 durante una delle sue visite ad Hannover, e Giorgio II gli succedette come re ed elettore all'età di 43 anni. Il nuovo re decise di non recarsi in Germania per il funerale di suo padre, che lungi dal portare le critiche portarono alle lodi degli inglesi che lo consideravano una prova della sua predilezione per l'Inghilterra. [51] Ha soppresso il testamento di suo padre perché tentava di dividere la successione di Hannover tra i futuri nipoti di Giorgio II piuttosto che conferire tutti i domini (sia britannici che di Hannover) a una sola persona. Sia i ministri britannici che quelli di Hannover consideravano illegale il testamento, poiché Giorgio I non aveva il potere legale di determinare personalmente la successione. [52] I critici supponevano che Giorgio II nascondesse la volontà di evitare di pagare i lasciti di suo padre.

Giorgio II fu incoronato nell'Abbazia di Westminster l'11/22 ottobre 1727. [51] George Frideric Handel fu incaricato di scrivere quattro nuovi inni per l'incoronazione, tra cui Zadok the Priest . [54]

Era opinione diffusa che George avrebbe licenziato Walpole, che lo aveva angosciato unendosi al governo di suo padre, e lo avrebbe sostituito con Sir Spencer Compton . [55] George chiese a Compton, piuttosto che a Walpole, di scrivere il suo primo discorso da re, ma Compton chiese a Walpole di redigerlo. Caroline consigliò a George di mantenere Walpole, che continuò a ottenere il favore reale assicurandosi una generosa lista civile (un importo annuo fisso fissato dal Parlamento per le spese ufficiali del re) di £ 800.000, [56] equivalenti a £ 117.800.000 di oggi. [57] Walpole aveva una maggioranza sostanziale in Parlamento e George non aveva altra scelta che mantenerlo o rischiare l'instabilità ministeriale. [58]Compton è stato nobilitato come Lord Wilmington l'anno successivo. [59]

George con la mano su un globo
Ritratto di Enoch Seeman , c.  1730

Walpole dirigeva la politica interna e, dopo le dimissioni di suo cognato Townshend nel 1730, controllava anche la politica estera di George. [60] Gli storici generalmente credono che George abbia svolto un ruolo onorifico in Gran Bretagna e abbia seguito da vicino i consigli di Walpole e degli alti ministri, che hanno preso le decisioni più importanti. [61] Sebbene il re fosse desideroso di guerra in Europa, i suoi ministri erano più cauti. [62] Fu concordata una tregua nella guerra anglo-spagnola e George fece pressione senza successo su Walpole affinché si unisse alla guerra di successione polacca dalla parte degli stati tedeschi. [63] Nell'aprile 1733 Walpole ritirò l'impopolare Excise Billche aveva attirato una forte opposizione, anche all'interno del suo stesso partito. George ha prestato sostegno a Walpole licenziando gli oppositori del disegno di legge dai loro uffici giudiziari . [64]

Problemi familiari

Il rapporto di Giorgio II con suo figlio Federico, principe di Galles , peggiorò durante gli anni Trenta del Settecento. Federico era rimasto in Germania quando i suoi genitori erano venuti in Inghilterra e non si vedevano da 14 anni. Nel 1728 fu portato in Inghilterra e divenne rapidamente una figura di spicco dell'opposizione politica. [65] Quando George visitò Hannover nelle estati del 1729, 1732 e 1735, lasciò sua moglie a presiedere il consiglio della reggenza in Gran Bretagna piuttosto che suo figlio. [66] Nel frattempo, rivalità tra Giorgio II e suo cognato e cugino di primo grado Federico Guglielmo I di Prussiaportò alla tensione lungo il confine prussiano-hannoveriano, che alla fine culminò nella mobilitazione delle truppe nella zona di confine e nei suggerimenti di un duello tra i due re. Le trattative per un matrimonio tra il Principe di Galles e la figlia di Federico Guglielmo, Guglielmina, si trascinarono per anni, ma nessuna delle due parti fece le concessioni richieste dall'altra e l'idea fu accantonata. [67] Il principe sposò invece la principessa Augusta di Sassonia-Gotha nell'aprile del 1736. [68]

Nel maggio 1736, George tornò ad Hannover, il che provocò l'impopolarità in Inghilterra; un avviso satirico è stato persino affisso ai cancelli del St James's Palace in cui denunciava la sua assenza. "Perso o allontanato da questa casa", si legge, "un uomo che ha lasciato una moglie e sei figli in parrocchia ". [69] Il re fece piani per tornare di fronte al tempo inclemente di dicembre; quando la sua nave fu colta da una tempesta, a Londra si sparse la voce che fosse annegato. Alla fine, nel gennaio 1737, tornò in Inghilterra. [70] Subito si ammalò di febbre e di emorroidi e si ritirò a letto. Il principe di Galles ha affermato che il re stava morendo, con il risultato che George ha insistito per alzarsi e partecipare a un evento sociale per confutare i pettegolezzi.[71]

Quando il Principe di Galles chiese al Parlamento un aumento della sua indennità, scoppiò una lite aperta. Il re, che aveva fama di avarizia, [72] offrì un accordo privato, che Federico rifiutò. Il Parlamento ha votato contro la misura, ma George ha aumentato con riluttanza l'assegno di suo figlio su consiglio di Walpole. [73] Ulteriori attriti tra loro seguirono quando Federico escluse il re e la regina dalla nascita di sua figlia nel luglio 1737 impacchettando sua moglie, che era in travaglio, in una carrozza e se ne andò nel cuore della notte. [74] Giorgio bandì lui e la sua famiglia dalla corte reale, proprio come aveva fatto suo padre con lui, tranne per il fatto che permise a Federico di mantenere la custodia dei suoi figli. [75]

Poco dopo, la moglie di George, Caroline, morì il 20 novembre 1737 (OS). Fu profondamente colpito dalla sua morte e, con sorpresa di molti, mostrò "una tenerezza di cui il mondo prima lo riteneva del tutto incapace". [76] Sul letto di morte disse al marito singhiozzante di risposarsi, al che lui rispose: "Non, j'aurai des maîtresses!" (Francese per "No, avrò delle amanti!"). [77] Era risaputo che George aveva già avuto amanti durante il suo matrimonio, e aveva tenuto Caroline informata su di loro. [78] Henrietta Howard , in seguito contessa di Suffolk, si era trasferita ad Hannover con il marito durante il regno della regina Anna, [79] ed era stata una delle donne di camera da letto di Carolina. Era la sua amante da prima dell'adesione di Giorgio I fino al novembre 1734. Fu seguita da Amalie von Wallmoden , in seguito contessa di Yarmouth, il cui figlio, Johann Ludwig von Wallmoden , potrebbe essere stato il padre di George. Johann Ludwig nacque mentre Amalie era ancora sposata con suo marito e George non lo riconobbe pubblicamente come suo figlio. [80]

Guerra e ribellione

Contro la volontà di Walpole, ma con gioia di George, la Gran Bretagna riaprì le ostilità con la Spagna nel 1739 . morte dell'imperatore del Sacro Romano Impero Carlo VI nel 1740. In discussione era il diritto della figlia di Carlo, Maria Teresa , di succedere ai suoi domini austriaci. [82] Giorgio trascorse le estati del 1740 e del 1741 ad Hannover, dove poté intervenire direttamente negli affari diplomatici europei in qualità di elettore. [83]

Il principe Federico fece una campagna attiva per l'opposizione nelle elezioni generali britanniche del 1741 e Walpole non fu in grado di ottenere una maggioranza stabile. Walpole tentò di riscattare il principe con la promessa di una maggiore indennità e si offrì di saldare i suoi debiti, ma Federico rifiutò. [84] Con il suo sostegno eroso, Walpole si ritirò nel 1742 dopo oltre 20 anni in carica. Fu sostituito da Spencer Compton, Lord Wilmington , che George aveva originariamente considerato per la premiership nel 1727. Wilmington, tuttavia, era un prestanome; [85] il potere effettivo era detenuto da altri, come Lord Carteret , il ministro preferito di George dopo Walpole. [2] Quando Wilmington morì nel 1743, Henry Pelhamprese il suo posto alla guida del governo. [86]

Giorgio su un cavallo bianco
Giorgio II raffigurato nella battaglia di Dettingen nel 1743 da John Wootton
Moneta mostrata a testa in su
Mezza corona di Giorgio II, 1746. L'iscrizione recita GEORGIUS II DEI GRATIA (Giorgio II per grazia di Dio). La parola LIMA sotto la testa del re significa che la moneta è stata coniata dall'argento sequestrato dalla flotta del tesoro spagnola al largo di Lima , in Perù, durante la guerra di successione austriaca . [87]

La fazione a favore della guerra era guidata da Carteret, il quale sosteneva che il potere francese sarebbe aumentato se Maria Teresa non fosse riuscita a succedere al trono austriaco. George accettò di inviare in Europa 12.000 mercenari assoldati dell'Assia e danesi, apparentemente per sostenere Maria Teresa. Senza conferire con i suoi ministri britannici, George li stazionò ad Hannover per impedire alle truppe francesi nemiche di marciare nell'elettorato. [88] L'esercito britannico non combatteva in una grande guerra europea da oltre 20 anni e il governo ne aveva gravemente trascurato il mantenimento. [89] George aveva spinto per una maggiore professionalità nei ranghi e promozione per merito piuttosto che per vendita di commissioni , ma senza molto successo. [90]Una forza alleata di truppe austriache, britanniche, olandesi, hannoveriane e dell'Assia ingaggiò i francesi nella battaglia di Dettingen il 16/27 giugno 1743. George li accompagnò personalmente, conducendoli alla vittoria, diventando così l'ultimo monarca britannico a guidare le truppe in battaglia . [91] Sebbene le sue azioni nella battaglia fossero ammirate, la guerra divenne impopolare presso il pubblico britannico, che riteneva che il re e Carteret stessero subordinando gli interessi britannici a quelli di Hannover. [92] Carteret perse il sostegno e, con sgomento di George, si dimise nel 1744. [93]

La tensione crebbe tra il ministero Pelham e George, poiché continuava a ricevere consigli da Carteret e rifiutava le pressioni degli altri suoi ministri per includere William Pitt il Vecchio nel gabinetto, il che avrebbe ampliato la base di sostegno del governo. [94] Al re non piaceva Pitt perché in precedenza si era opposto alla politica del governo e aveva attaccato le misure considerate pro-Hannover. [95] Nel febbraio 1746, Pelham ei suoi seguaci si dimisero. George ha chiesto a Lord Bath e Carteret di formare un'amministrazione , ma dopo meno di 48 ore hanno restituito i sigilli dell'ufficio, incapaci di ottenere un sostegno parlamentare sufficiente. Pelham tornò in carica trionfante e George fu costretto a nominare Pitt al ministero.[96]

Gli oppositori francesi di George incoraggiarono la ribellione dei giacobiti , i sostenitori del pretendente cattolico romano al trono britannico, James Francis Edward Stuart , spesso noto come il vecchio pretendente. Stuart era il figlio di Giacomo II , che era stato deposto nel 1688 e sostituito dai suoi parenti protestanti. Due precedenti ribellioni nel 1715 e nel 1719 erano fallite. Nel luglio 1745, il figlio del Vecchio Pretendente, Charles Edward Stuart , popolarmente noto come Bonnie Prince Charlie o il Giovane Pretendente, sbarcò in Scozia, dove il sostegno alla sua causa era più alto. George, che trascorreva l'estate ad Hannover, tornò a Londra alla fine di agosto. [97]I giacobiti sconfissero le forze britanniche a settembre nella battaglia di Prestonpans , quindi si spostarono a sud, in Inghilterra. I giacobiti non riuscirono a ottenere ulteriore sostegno ei francesi rinnegarono una promessa di aiuto. Perdendo il morale, i giacobiti si ritirarono in Scozia. [98] Il 16/27 aprile 1746, Carlo affrontò il figlio di George , il principe William, duca di Cumberland , dalla mentalità militare, nella battaglia di Culloden , l'ultima battaglia campale combattuta sul suolo britannico. Le devastate truppe giacobite furono sconfitte dall'esercito governativo. Charles fuggì in Francia, ma molti dei suoi sostenitori furono catturati e giustiziati. Il giacobitismo fu quasi schiacciato; non fu fatto alcun ulteriore serio tentativo di restaurare la Casa degli Stuart . [99]La guerra di successione austriaca continuò fino al 1748, quando Maria Teresa fu riconosciuta come arciduchessa d'Austria. La pace è stata celebrata da una festa a Green Park, Londra , per la quale Handel ha composto la musica per i fuochi d'artificio reali . [100]

Pianificare la successione

Giorgio sulla settantina
Ritratto di John Shackleton , c. 1755–1757

Nelle elezioni generali del 1747 , Federico, principe di Galles , fece nuovamente una campagna attiva per l'opposizione, ma il partito di Pelham vinse facilmente. [101] Come suo padre prima di lui, Federico intrattenne esponenti dell'opposizione nella sua casa di Leicester Square . [102] Quando Federico morì improvvisamente nel 1751, suo figlio maggiore, il principe Giorgio , divenne l'erede apparente. Il re si commiserò con Augusta, principessa vedova del Galles , e pianse con lei. [103] Poiché suo figlio non avrebbe raggiunto la maggiore età fino al 1756, fu approvato un nuovo British Regency Act che l'avrebbe nominata reggente, assistita da un consiglio guidato dal fratello di Frederick,Il principe William, duca di Cumberland , in caso di morte di Giorgio II. [104] Il re fece anche un nuovo testamento, che prevedeva che Cumberland fosse l'unico reggente ad Hannover. [105] Dopo la morte di sua figlia Louisa alla fine dell'anno, George si è lamentato: "Questo è stato un anno fatale per la mia famiglia. Ho perso il mio figlio maggiore, ma ne sono contento ... Ora [Louisa] è andato. So che non amavo i miei figli quando erano giovani: odiavo che corressero nella mia stanza; ma ora li amo come la maggior parte dei padri. [106]

Guerra dei sette anni

Nel 1754 Pelham morì, a cui successe il fratello maggiore, Thomas Pelham-Holles, primo duca di Newcastle .

L'ostilità tra Francia e Gran Bretagna, in particolare per la colonizzazione del Nord America , continuò. [107] Temendo un'invasione francese di Hannover, Giorgio si schierò con la Prussia (governata da suo nipote, Federico il Grande ), nemico dell'Austria. Russia e Francia si allearono con l'Austria, loro ex nemica. Un'invasione francese dell'isola di Minorca controllata dagli inglesi portò allo scoppio della Guerra dei sette anni nel 1756. L'inquietudine pubblica per i fallimenti britannici all'inizio del conflitto portò alle dimissioni di Newcastle e alla nomina di William Cavendish, 4 ° duca di Devonshire , come primo ministro e William Pitt il Vecchio comeSegretario di Stato per il Dipartimento del Sud . [108] Nell'aprile dell'anno successivo George licenziò Pitt nel tentativo di costruire un'amministrazione più di suo gradimento. Nei successivi tre mesi i tentativi di formare un'altra associazione ministeriale stabile fallirono. A giugno Lord Waldegrave ha tenuto i sigilli dell'ufficio per soli quattro giorni. All'inizio di luglio, Pitt è stato richiamato e Newcastle è tornato come primo ministro. In qualità di Segretario di Stato, Pitt ha guidato la politica relativa alla guerra. Gran Bretagna, Hannover e Prussia e i loro alleati Assia-Kassel e Brunswick-Wolfenbüttel combatterono contro altre potenze europee, tra cui Francia, Austria, Russia, Svezia e Sassonia. La guerra ha coinvolto più teatri dall'Europa al Nord America e all'India, dove il dominio britannico è aumentato con le vittorie di Robert Clive sulle forze francesi e sui loro alleati nella battaglia di Arcot e nella battaglia di Plassey . [109]

George ha detto che suo figlio , il principe William, duca di Cumberland (nella foto), mi aveva "rovinato e si era disonorato" alla Convenzione di Klosterzeven , 1757.

Il figlio di George, il duca di Cumberland, comandava le truppe del re nel nord della Germania. Nel 1757 Hannover fu invasa e George diede a Cumberland pieni poteri per concludere una pace separata, [110] ma a settembre George era furioso per l'accordo negoziato di Cumberland , che si sentiva molto favorevole ai francesi. [111] George ha detto che suo figlio mi aveva "rovinato e si era disonorato". [112] Cumberland, per sua scelta, si dimise dai suoi incarichi militari, [113] e George revocò l'accordo di pace sulla base del fatto che i francesi lo avevano violato disarmando le truppe dell'Assia dopo il cessate il fuoco. [114]

Nell'Annus Mirabilis del 1759 le forze britanniche catturarono il Quebec e catturarono la Guadalupa , sconfissero un piano francese per invadere la Gran Bretagna in seguito alle battaglie navali a Lagos e Quiberon Bay , [115] e fermarono una ripresa dell'avanzata francese su Hannover nella battaglia di Minden . [116]

Morte

Nell'ottobre 1760 Giorgio II era cieco da un occhio e con problemi di udito . [117] La ​​mattina del 25 ottobre si alzò come al solito alle 6:00, bevve una tazza di cioccolata calda e andò da solo al suo vicino sgabello . Dopo pochi minuti, il suo cameriere sentì un forte schianto ed entrò nella stanza per trovare il re sul pavimento; [118] il suo medico, Frank Nicholls , ha registrato che "sembrava essere appena uscito dal suo sgabello necessario, e come se stesse per aprire il suo scrittoio ". [119]

Il re fu sollevato nel suo letto e la principessa Amelia fu mandata a chiamare; prima che lei lo raggiungesse, era morto. All'età di quasi 77 anni aveva vissuto più a lungo di tutti i suoi predecessori inglesi o britannici. [120] Un'autopsia rivelò che il re era morto a seguito di una dissezione dell'aorta toracica . [119] [121] Gli successe il nipote Giorgio III e fu sepolto l'11 novembre nell'abbazia di Westminster. Ha lasciato istruzioni per rimuovere i lati della sua bara e di quella di sua moglie in modo che i loro resti potessero mescolarsi. [122]

Eredità

La Columbia University di New York è stata fondata con carta reale nel 1754 come King's College.

George donò la biblioteca reale al British Museum nel 1757, quattro anni dopo la fondazione del museo. [123] Non aveva alcun interesse per la lettura, [124] o per le arti e le scienze, e preferiva trascorrere le sue ore di svago cacciando il cervo a cavallo o giocando a carte. [125] Nel 1737 fondò la Georg August University di Göttingen , la prima università dell'elettorato di Hannover , e la visitò nel 1748. [126] L' asteroide 359 Georgia fu chiamato in suo onore all'università nel 1902. Ha servito come Rettore dell'Università di Dublino tra il 1716 e il 1727; e nel 1754 ha emesso la carta perKing's College di New York City, che in seguito divenne la Columbia University . A lui è stata intitolata la provincia della Georgia , fondata per statuto reale nel 1732. [127]

Statua esposta all'aria in abito romano
Statua di John Van Nost eretta nel 1753 in Golden Square , Londra [128]

Durante il regno di Giorgio II gli interessi britannici si espansero in tutto il mondo, la sfida giacobita alla dinastia di Hannover si estinse e il potere dei ministri e del Parlamento in Gran Bretagna divenne ben consolidato. Tuttavia, nelle memorie di contemporanei come Lord Hervey e Horace Walpole , George è raffigurato come un debole buffone, governato dalla moglie e dai ministri. [129] Le biografie di George scritte durante il diciannovesimo e la prima parte del ventesimo secolo si basavano su questi resoconti distorti. [130] Dall'ultimo quarto del ventesimo secolo, l'analisi accademica della corrispondenza sopravvissuta ha indicato che George non era così inefficace come si pensava in precedenza. [131]Le lettere dei ministri sono annotate da George con osservazioni pertinenti e dimostrano che aveva una conoscenza e un interesse per la politica estera in particolare. [132] Era spesso in grado di impedire la nomina di ministri o comandanti che non gli piacevano, o di metterli da parte in uffici minori. [133] Questa rivalutazione accademica, tuttavia, non ha eliminato completamente la percezione popolare di Giorgio II come un "re vagamente ridicolo". [134] La sua parsimonia, ad esempio, potrebbe averlo aperto al ridicolo, sebbene i suoi biografi osservino che la parsimonia è preferibile alla stravaganza. [135] Lord Charlemontha scusato l'irascibilità di George spiegando che la sincerità dei sentimenti è meglio dell'inganno: "Il suo carattere era caldo e impetuoso, ma era di buon carattere e sincero. Inesperto nel talento reale della dissimulazione, era sempre quello che sembrava essere. Lui poteva offendere, ma non ha mai ingannato". [136] Lord Waldegrave scrisse: "Sono assolutamente convinto che d'ora in poi, quando il tempo avrà consumato quelle macchie e macchie che macchiano i caratteri più brillanti, e da cui nessun uomo è totalmente esente, sarà annoverato tra quei re patrioti, sotto il cui governo il popolo ha goduto della più grande felicità". [137] George potrebbe non aver svolto un ruolo importante nella storia, ma a volte è stato influente e ha sostenuto il governo costituzionale. [138] Elizabeth Montagu disse di lui: "Con lui le nostre leggi e libertà erano al sicuro, possedeva in gran parte la fiducia del suo popolo e il rispetto dei governi stranieri; e una certa fermezza di carattere lo rendeva di grande importanza in questi tempi instabili. .. Il suo personaggio non sarebbe soggetto per la poesia epica, ma starebbe bene nella sobria pagina della storia." [139]

Titoli, stili e armi

Titoli e stili

In Gran Bretagna:

  • Dal 1706: duca e marchese di Cambridge, conte di Milford Haven, visconte Northallerton e barone di Tewkesbury [140]
  • Agosto-settembre 1714: Sua Altezza Reale George Augustus, Principe di Gran Bretagna, Principe Elettorale di Brunswick-Lüneburg, Duca di Cornovaglia e Rothesay, ecc. [141]
  • 1714–1727: Sua Altezza Reale il Principe di Galles, ecc.
  • 1727–1760: Sua Maestà il Re

Lo stile completo di Giorgio II era "Giorgio II, per grazia di Dio, re di Gran Bretagna, Francia e Irlanda, difensore della fede , duca di Brunswick-Lüneburg, arcitesoriere e principe elettore del Sacro Romano Impero". [142]

Braccia

Quando George divenne Principe di Galles nel 1714, gli furono concesse le armi reali con uno scudetto di rosso pianura nel quartiere di Hannover differenziato complessivamente da un'etichetta di tre punti d'argento . Lo stemma includeva l'unica corona ad arco del suo grado. Come re, usò indifferentemente le armi reali usate da suo padre . [143]

Stemma dei Principi di Galles di Hannover (1714-1760).svg
Stemma della Gran Bretagna (1714–1801).svg
Stemma come Principe di Galles 1714–1727 Stemma di Giorgio II come re di Gran Bretagna 1727–1760

Famiglia

Ascendenza


Problema

Le dieci [146] o undici [147] gravidanze di Caroline hanno portato a otto nati vivi. Uno dei loro figli è morto in tenera età e sette sono vissuti fino all'età adulta.

Nome Nascita Morte Appunti
Federico, Principe di Galles 31 gennaio 1707 31 marzo 1751 sposò nel 1736 la principessa Augusta di Sassonia-Gotha ; ebbe figli, compreso il futuro Giorgio III
Anna, principessa reale 2 novembre 1709 12 gennaio 1759 sposò nel 1734 Guglielmo IV, Principe d'Orange ; ha avuto problemi
Principessa Amelia 10 giugno 1711 31 ottobre 1786 mai sposato, nessun problema
Principessa Carolina 10 giugno 1713 28 dicembre 1757 mai sposato, nessun problema
Figlio nato morto 20 novembre 1716
Principe Giorgio Guglielmo 13 novembre 1717 17 febbraio 1718 morì in tenera età
Cattiva amministrazione 1718
Principe William, duca di Cumberland 26 aprile 1721 31 ottobre 1765 mai sposato, nessun problema
Principessa Maria 5 marzo 1723 14 gennaio 1772 sposò nel 1740 Federico II, Langravio d'Assia-Kassel ; ha avuto problemi
Principessa Luisa 18 dicembre 1724 19 dicembre 1751 sposò nel 1743 Federico V, re di Danimarca e Norvegia ; ha avuto problemi
Aborto spontaneo [147] luglio 1725
Le date in questa tabella sono New Style

Appunti

  1. ^ abcde Nel corso della vita di George, furono usati due calendari: il calendario giuliano vecchio stile e il calendario gregoriano nuovo stile . Prima del 1700, i due calendari erano separati da 10 giorni. Hannover passò dal calendario giuliano a quello gregoriano il 19 febbraio (OS) / 1 marzo (NS) 1700. La Gran Bretagna passò il 3/14 settembre 1752. George nacque il 30 ottobre Old Style, che era il 9 novembre New Style, ma poiché il calendario è stato spostato in avanti di un ulteriore giorno nel 1700, la data viene occasionalmente calcolata erroneamente come 10 novembre. [1] In questo articolo, le singole date prima del settembre 1752 sono indicate come OS o NS o entrambi. Tutte le date successive al settembre 1752 sono solo NS. Si presume che tutti gli anni inizino dal 1 gennaio e non dal 25 marzo, che era il capodanno inglese.
  2. ^ Hannover aveva circa 1.800 case, mentre Londra ne aveva 100.000. [26]
  3. ^ George scosse il pugno contro Newcastle e disse "Sei un mascalzone; ti troverò!", che il duca a quanto pare ha frainteso come "Sei un mascalzone; ti combatterò!" [34]

Riferimenti

  1. ^ Huberty et al ., p. 108
  2. ^ ab Cannone.
  3. ^ Thompson, pag. 10.
  4. ^ "Gli Hannover sono qui!" Storici Palazzi Reali . 2022. il monarca non poteva che essere anglicano
    • "Giorgio I". Enciclopedia Britannica . 2022. tutti i monarchi britannici devono essere protestanti della Chiesa d'Inghilterra
    • "Atto di liquidazione". La Famiglia Reale . 2022. Il Sovrano ora doveva giurare di mantenere la Chiesa d'Inghilterra (e dopo il 1707, la Chiesa di Scozia)
  5. ^ Van der Kiste, p. 6.
  6. ^ Black, Giorgio II , pp. 35–36; Thompson, pag. 19; Van der Kiste, p. 7.
  7. ^ Thompson, pag. 16.
  8. ^ Trincea, pag. 7; Van der Kiste, p. 9.
  9. ^ Thompson, pagine 35-36.
  10. ^ Union with Scotland Act 1706 e Union with England Act 1707, The National Archives, recuperati il ​​20 settembre 2011.
  11. ^ Ab Van der Kiste, p. 17.
  12. ^ Thompson, pag. 28.
  13. ^ Van der Kiste, p. 15.
  14. ^ Thompson, pag. 30; Van der Kiste, p. 16.
  15. ^ Thompson, pag. 31; Van der Kiste, p. 18.
  16. ^ Van der Kiste, p. 19.
  17. ^ Van der Kiste, p. 21.
  18. ^ Thompson, pag. 32; Trincea, pag. 18; Van der Kiste, p. 22.
  19. ^ Van der Kiste, p. 23.
  20. ^ Thompson, pag. 37.
  21. ^ Van der Kiste, p. 30.
  22. ^ Thompson, pag. 38.
  23. ^ Van der Kiste, p. 36.
  24. ^ Trincea, pag. 38; Van der Kiste, p. 37.
  25. ^ Thompson, pagine 39–40; Trincea, pag. 39.
  26. ^ Van der Kiste, p. 39.
  27. ^ Van der Kiste, p. 37.
  28. ^ Trincea, pag. 55; Van der Kiste, p. 44.
  29. ^ Trincea, pp. 63–65; Van der Kiste, p. 55.
  30. ^ Van der Kiste, p. 59.
  31. ^ Nero, Giorgio II , p. 45; Thompson, pag. 47.
  32. ^ Van der Kiste, p. 61.
  33. ^ Trincea, pag. 75; Van der Kiste, p. 61.
  34. ^ Van der Kiste, p. 63.
  35. ^ Trincea, pag. 77.
  36. ^ Nero, Giorgio II , p. 46; Thompson, pag. 53; Trincea, pag. 78.
  37. ^ Van der Kiste, p. 66.
  38. ^ Van der Kiste, pagine 66-67.
  39. ^ Trincea, pag. 80.
  40. ^ Trench, pp. 67, 87.
  41. ^ Thompson, pagine 48–50, 55.
  42. ^ Trench, pp. 79, 82.
  43. ^ Van der Kiste, p. 71.
  44. ^ Thompson, pag. 57; Trench, pp. 88-90; Van der Kiste, pp. 72-74.
  45. ^ Nero, Giorgio II , p. 52; Thompson, pag. 58; Trincea, pag. 89.
  46. ^ Trincea, pp. 88–89.
  47. ^ Nero, Giorgio II , p. 54; Thompson, pp. 58-59.
  48. ^ Trincea, pp. 104–105.
  49. ^ Trincea, pp. 106–107.
  50. ^ Thompson, pag. 45; Trincea, pag. 107.
  51. ^ Ab Van der Kiste, p. 97.
  52. ^ Trench, pp. 130–131.
  53. ^ Nero, Giorgio II , p. 88; Cannone; Trench, pp. 130-131.
  54. ^ Nero, Giorgio II , p. 77.
  55. ^ Nero, Giorgio II , p. 80; Trincea, pag. 132.
  56. ^ Trincea, pp. 132–133.
  57. ^ Le cifre del deflatore del prodotto interno lordo del Regno Unito seguono la "serie coerente" di Measuring Worth fornita a Thomas, Ryland; Williamson, Samuel H. (2018). "Qual era allora il PIL del Regno Unito?". Valore di misurazione . Estratto il 2 febbraio 2020 .
  58. ^ Nero, Giorgio II , pp. 81–84; Black, Walpole in Power , pp. 29-31, 53, 61.
  59. ^ Van der Kiste, p. 95.
  60. ^ Trincea, pag. 149.
  61. ^ Thompson, pag. 92.
  62. ^ Nero, Giorgio II , p. 95.
  63. ^ Trincea, pp. 173–174; Van der Kiste, p. 138.
  64. ^ Nero, Giorgio II , pp. 141–143; Thompson, pp. 102-103; Trench, pp. 166-167.
  65. ^ Trincea, pp. 141–142; Van der Kiste, pp. 115-116.
  66. ^ Thompson, pagine 85-86; Van der Kiste, pp. 118, 126, 139.
  67. ^ Van der Kiste, p. 118.
  68. ^ Trincea, pag. 179.
  69. ^ Trincea, pp. 182–184; Van der Kiste, pp. 149-150.
  70. ^ Trincea, pag. 185–187; Van der Kiste, p. 152.
  71. ^ Van der Kiste, p. 153.
  72. ^ Nero, Giorgio II , p. 136; Thompson, pp. 7, 64; Trincea, pag. 150.
  73. ^ Trincea, pp. 189–190; Van der Kiste, pp. 153–154.
  74. ^ Thompson, pag. 120; Trincea, pag. 192; Van der Kiste, pp. 155–157.
  75. ^ Trincea, pag. 196; Van der Kiste, p. 158.
  76. ^ Memorie di Hervey, vol. III, pag. 916, citato in Thompson, p. 124, e Van der Kiste, pag. 165.
  77. ^ Thompson, pag. 124; Trincea, pag. 199.
  78. ^ Thompson, pag. 92; Trench, pp. 175, 181.
  79. ^ Van der Kiste, pp. 25, 137.
  80. ^ Nero, Giorgio II , p. 157; Kilburn; Weir, pag. 284.
  81. ^ Trench, pp. 205–206.
  82. ^ Trincea, pag. 210.
  83. ^ Thompson, pagine 133, 139.
  84. ^ Nero, Giorgio II , p. 174; Trincea, pag. 212.
  85. ^ Nero, Giorgio II , p. 86.
  86. ^ Thompson, pag. 150.
  87. ^ "Corona d'argento 'Lima' (5 scellini) di Giorgio II", British Museum , recuperato il 26 agosto 2011 Archive at the Wayback Machine (archiviato 29 aprile 2011)
  88. ^ Trincea, pp. 211–212.
  89. ^ Trench, pp. 206–209.
  90. ^ Nero, Giorgio II , p. 111; Trench, pp. 136, 208; Van der Kiste, p. 173.
  91. ^ Thompson, pag. 148; Trench, pp. 217–223.
  92. ^ Nero, Giorgio II , pp. 181–184; Van der Kiste, pp. 179–180.
  93. ^ Nero, Giorgio II , pp. 185–186; Thompson, pag. 160; Van der Kiste, p. 181.
  94. ^ Nero, Giorgio II , pp. 190–193; Thompson, pagg. 162, 169; Trench, pp. 234-235.
  95. ^ Nero, Giorgio II , pp. 164, 184, 195.
  96. ^ Nero, Giorgio II , pp. 190–193; Cannone; Trench, pp. 234-235.
  97. ^ Van der Kiste, p. 184.
  98. ^ Nero, Giorgio II , pp. 190–191.
  99. ^ Van der Kiste, pp. 186–187.
  100. ^ Thompson, pagine 187–189.
  101. ^ Nero, Giorgio II , p. 199; Trincea, pag. 243; Van der Kiste, p. 188.
  102. ^ Van der Kiste, p. 189.
  103. ^ Thompson, pag. 208; Trincea, pag. 247.
  104. ^ Nero, Giorgio II , pp. 207–211; Thompson, pag. 209; Trincea, pag. 249; Van der Kiste, p. 195.
  105. ^ Thompson, pag. 211.
  106. ^ Memorie di Horace Walpole , vol. io, pag. 152, citato in Thompson, p. 213 e Trench, pag. 250.
  107. ^ Thompson, pagine 233–238.
  108. ^ Nero, Giorgio II , pp. 231–232; Thompson, pag. 252; Trench, pp. 271–274.
  109. ^ Ashley, pag. 677.
  110. ^ Thompson, pagine 265–266; Trincea, pag. 283.
  111. ^ Thompson, pag. 268; Trincea, pag. 284.
  112. ^ Memorie di Horace Walpole, vol. III, pag. 61, citato in Trench, p. 286.
  113. ^ Thompson, pag. 276; Trincea, pag. 286.
  114. ^ Thompson, pag. 270; Trincea, pag. 287.
  115. ^ Trincea, pp. 293–296.
  116. ^ Thompson, pagine 282–283.
  117. ^ Thompson, pag. 275; Trincea, pag. 292; Van der Kiste, p. 212.
  118. ^ Thompson, pagine 289–290; Van der Kiste, p. 213.
  119. ^ ab Nicholls, Frank (1761). Osservazioni sul corpo di Sua Maestà defunta . Philos Trans Londra . vol. 52. pp. 265–274.
  120. ^ Van der Kiste, p. 213.
  121. ^ Criado, Frank J. (2011). "La dissezione aortica: una prospettiva di 250 anni". Giornale dell'istituto del cuore del Texas . 38 (6): 694-700. PMC 3233335 . PMID  22199439. 
  122. ^ Nero, Giorgio II , p. 253; Thompson, pag. 290.
  123. ^ Nero, Giorgio II , pp. 68, 127.
  124. ^ Nero, Giorgio II , p. 127; Thompson, pp. 97–98; Trincea, pag. 153.
  125. ^ Nero, Giorgio II , p. 128; Trench, pp. 140, 152.
  126. ^ Nero, Giorgio II , p. 128.
  127. ^ Thompson, pag. 96.
  128. ^ Van der Kiste, tra pp. 150 e 151.
  129. ^ Nero, Giorgio II , pp. 255–257.
  130. ^ Nero, Giorgio II , pp. 257–258.
  131. ^ Nero, Giorgio II , pp. 258–259.
  132. ^ Nero, Giorgio II , pp. 144–146; Cannone; Trench, pp. 135-136.
  133. ^ Nero, Giorgio II , p. 195.
  134. ^ Migliore, pag. 71.
  135. ^ Nero, Giorgio II , p. 82; Trincea, pag. 300; Memorie di Lord Waldegrave citate in Trench, p. 270.
  136. ^ Charlemont citato in Cannon and Trench, p. 299.
  137. ^ Citato in Trench, p. 270.
  138. ^ Nero, Giorgio II , p. 138; Cannone; Trincea, pag. 300.
  139. ^ Citato in Black, Giorgio II , p. 254.
  140. ^ Weir, pag. 277.
  141. ^ ad esempio "n. 5264". La Gazzetta di Londra . 28 settembre 1714. p. 1.
  142. ^ eg A Lima half-crown (MEC1598), National Maritime Museum , consultato il 7 settembre 2011
  143. ^ Pizzichi e pizzichi, p. 206.
  144. ^ abcdef Weir, pp. 272–275.
  145. ^ ab Haag et al ., pp. 347–349.
  146. ^ Weir, pp. 277–285.
  147. ^ ab Dennison, p. 211.

Fonti

  • Ashley, Mike (1998) The Mammoth Book of British Kings and Queens . Londra: Robinson. ISBN 1-84119-096-9 
  • Best, Nicholas (1995) I re e le regine d'Inghilterra . Londra: Weidenfeld & Nicolson. ISBN 0-297-83487-8 
  • Nero, Jeremy (2001) Walpole al potere . Stroud, Gloucestershire: Sutton Publishing. ISBN 0-7509-2523-X 
  • Black, Jeremy (2007) Giorgio II: Burattino dei politici? Exeter: University of Exeter Press. ISBN 978-0-85989-807-2 
  • Cannon, John (2004) "George II (1683–1760)", Oxford Dictionary of National Biography , Oxford University Press, recuperato il 16 agosto 2011 doi :10.1093/ref:odnb/10539 (è richiesto l'abbonamento o l'iscrizione alla biblioteca pubblica del Regno Unito)
  • Dennison, Matthew (2017), The First Iron Lady , Londra: Harper Collins Publishers, ISBN 978-0-00-812199-0
  • Haag, Eugène; Haag, Émile; Bordier, Henri Léonard (1877), La France Protestante (in francese), Parigi: Sandoz et Fischbacher
  • Huberty, Michel; Giraud, Alain; Magdelaine, F. et B. (1981) L'Allemagne Dynastique. Volume 3: Brunswick-Nassau-Schwarzbourg . Le Perreux-sur-Marne: Giraud. ISBN 2-901138-03-9 
  • Kilburn, Matthew (2004) "Wallmoden, Amalie Sophie Marianne von, suo jure contessa di Yarmouth (1704–1765)", Oxford Dictionary of National Biography , Oxford University Press, recuperato il 30 novembre 2012 doi :10.1093/ref:odnb/28579 ( è richiesto l'abbonamento o l'iscrizione alla biblioteca pubblica del Regno Unito)
  • Pizzichi, John Harvey ; Pizzichi, rosmarino (1974) The Royal Heraldry of England . Slough, Buckinghamshire: Hollen Street Press. ISBN 0-900455-25-X 
  • Thompson, Andrew C. (2011) Giorgio II: re ed elettore . New Haven e Londra: Yale University Press. ISBN 978-0-300-11892-6 
  • Trench, Charles Chevenix (1975) Giorgio II . Londra: Allen Lane. ISBN 0-7139-0481-X 
  • Van der Kiste, John (1997), Giorgio II e la regina Carolina , Stroud, Gloucestershire: Sutton Publishing, ISBN 0-7509-1321-5
  • Weir, Alison (1996) Famiglie reali britanniche: la genealogia completa . Londra: casa casuale. ISBN 0-7126-7448-9 

Ulteriori letture

  • Bultmann, William A. (1966) "Early Hanoverian England (1714–1760): Some Recent Writings" in Elizabeth Chapin Furber, ed. Cambiare punto di vista sulla storia britannica: saggi sulla scrittura storica dal 1939 . Harvard University Press, pagine 181–205
  • Dickinson, Harry T.; introdotto da AL Rowse (1973) Walpole and the Whig Supremacy . Londra: The English Universities Press. ISBN 0-340-11515-7 
  • Hervey, John Hervey Baron (1931) Alcuni materiali verso le memorie del regno di re Giorgio II . Eyre & Spottiswoode
  • Marshall, Dorothy (1962) Inghilterra del diciottesimo secolo 1714–1784
  • Robertson, Charles Grant (1911) L'Inghilterra sotto gli Hannover. Londra: Methuen
  • Smith, Hannah (2005) "La corte in Inghilterra, 1714–1760: un'istituzione politica in declino?" Storia 90 (297): 23–41
  • Smith, Hannah (2006) Monarchia georgiana: politica e cultura, 1714–1760 . Pressa dell'Università di Cambridge
  • Williams, basilico ; rivisto da CH Stuart (1962) The Whig Supremacy 1714–1760 . Seconda edizione. Oxford: Pressa dell'Università di Oxford

link esterno

Giorgio II di Gran Bretagna
Ramo cadetto della Casa di Welf
Nato: 9 novembre 1683 Morto: 25 ottobre 1760 
Titoli regni
Preceduto da Re di Gran Bretagna e Irlanda ,
Elettore di Hannover

11/22 giugno 1727 - 25 ottobre 1760
seguito da
regalità britannica
Vacante
Ultimo titolo detenuto da
Giacomo
Principe di Galles
Duca di Cornovaglia
Duca di Rothesay

1714–1727
seguito da
Uffici accademici
Preceduto da Cancelliere dell'Università di Dublino
1715–1727
seguito da