Dinastia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

La dinastia Qing fu l'ultima dinastia imperiale della Cina, istituita nel 1636 e terminata nel 1912, con una breve restaurazione nel 1917.

Una dinastia ( UK : / d ɪ n ə s t i / , US : / d - / ) [1] [2] è una sequenza di governanti della stessa famiglia, [3] di solito nel contesto di un sistema feudale o monarchico , ma talvolta compare anche nelle repubbliche . Termini alternativi per "dinastia" possono includere " casa ", " famiglia " e " clan", Tra gli altri. La dinastia più lunga sopravvivere nel mondo è la Casa Imperiale del Giappone , altrimenti noto come la dinastia Yamato, il cui regno è tradizionalmente datata al 660 aC e storicamente attestata da 781 dC .

La famiglia o il lignaggio dinastico può essere conosciuto come una "casa nobile", [4] che può essere designata come " imperiale ", " reale ", " principesco ", " ducale ", " comitale ", " baronale " ecc., a seconda sul titolo principale o attuale portato dai suoi membri.

Gli storici periodizzano le storie di molti stati e civiltà , come l' antico Egitto (3100 – 30 a.C.) e la Cina antica e imperiale (2070 a.C. – 1912 d.C.), utilizzando un quadro di dinastie successive. In quanto tale, il termine "dinastia" può essere usato per delimitare l'era durante la quale regnava una famiglia, e anche per descrivere eventi, tendenze e manufatti di quel periodo (ad esempio, "un vaso della dinastia Ming "). La parola "dinastia" stessa è spesso eliminata da tali riferimenti aggettivi (ad esempio, "un vaso Ming").

Fino al XIX secolo si dava per scontato che una legittima funzione di un monarca fosse quella di ingrandirsi la propria dinastia: cioè di espandere la ricchezza e il potere dei suoi familiari. [5]

Prima del 20 ° secolo, le dinastie di tutto il mondo sono state tradizionalmente considerate patrilineari , come sotto la legge franco salica . Nei sistemi politici in cui era consentito, la successione attraverso una figlia di solito stabiliva una nuova dinastia nella casa regnante del marito. Questo è cambiato in alcuni luoghi in Europa, dove il diritto e le convenzioni di successione hanno mantenuto dinastie de jure attraverso una donna. Ad esempio, la casata di Windsor sarà mantenuta attraverso i figli della regina Elisabetta II , come ha fatto con la monarchia dei Paesi Bassi , la cui dinastia è rimasta la casata di Orange-Nassau per tre successiviregine regnanti . Il primo esempio di questo tipo tra le principali monarchie europee fu nell'Impero russo nel XVIII secolo, dove il nome della Casa dei Romanov fu mantenuto attraverso la Granduchessa Anna Petrovna . Ciò accadde anche nel caso della regina Maria II del Portogallo , che sposò il principe Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Gotha , ma i cui discendenti rimasero membri della casata di Braganza , per legge portoghese. Nella provincia di Limpopo in Sud Africa , Balobedu determinò la discendenza matrilineare, mentre i governanti hanno adottato altre volte il nome della dinastia della madre quando entravano nella sua eredità. Meno frequentemente, una monarchia si è alternata o è stata ruotata, in un sistema multidinastico (o polidinastico), cioè i membri viventi più anziani di dinastie parallele, in qualsiasi momento, costituiscono la linea di successione.

Non tutti gli stati feudali o monarchie erano o sono governati da dinastie; esempi moderni sono lo Stato della Città del Vaticano , il Principato di Andorra , e il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta . Nel corso della storia ci sono stati monarchi che non appartenevano a nessuna dinastia; governanti non dinastici includono Re Arioaldo dei Longobardi e l'imperatore Foca del dell'impero bizantino . Le dinastie che governano le monarchie subnazionali non possiedono diritti sovrani; due esempi moderni sono le monarchie della Malesia e le famiglie reali degli Emirati Arabi Uniti .

La parola "dinastia" è talvolta usata in modo informale per persone che non sono governanti ma sono, ad esempio, membri di una famiglia con influenza e potere in altre aree, come una serie di successivi proprietari di una grande azienda. Viene esteso anche a persone non imparentate, come i maggiori poeti della stessa scuola o vari roster di una singola squadra sportiva. [3]

Etimologia [ modifica ]

La parola dinastia deriva dal latino dynastia , che deriva dal greco antico δυναστεία ( dynastéia ), dove si riferiva a 'potere', 'dominio' e 'governo' stesso. [6] Era il sostantivo astratto di δυνάστης ( dynástēs ), [7] il sostantivo agente di δύναμις ( dynamis ) 'potere' o 'capacità', [8] da δύναμαι ( dýnamai ) 'essere capace'. [9]

Dinastia [ modifica ]

Un sovrano di una dinastia viene talvolta definito "dinasta", ma questo termine è anche usato per descrivere qualsiasi membro di una famiglia regnante che mantiene il diritto di succedere al trono . Ad esempio, il re Edoardo VIII cessò di essere un dinasta della Casa di Windsor dopo la sua abdicazione.

Nei riferimenti storici e monarchici alle famiglie precedentemente regnanti, un "dinasta" è un membro della famiglia che avrebbe avuto diritti di successione, se le regole della monarchia fossero ancora in vigore. Ad esempio, dopo gli omicidi del 1914 dell'arciduca Francesco Ferdinando d'Austria e di sua moglie morganatica , il loro figlio Massimiliano, duca di Hohenberg , fu scavalcato per il trono austro-ungarico perché non era un dinasta asburgico . Anche dopo l' abolizione della monarchia austriaca, il duca Massimiliano e i suoi discendenti non sono stati considerati i legittimi pretendenti dai monarchici austriaci, né hanno rivendicato tale posizione.

Il termine "dynast" è talvolta usato solo per riferirsi a agnatici discendenti dei monarchi di un regno, e, talvolta, per includere coloro che detengono i diritti di successione attraverso cognatico discendenza reale. Il termine può quindi descrivere insiemi sovrapposti ma distinti di persone. Ad esempio, David Armstrong-Jones, II conte di Snowdon , nipote della regina Elisabetta II , è in linea di successione alla corona britannica ; facendo di lui un dinasta britannico. D'altra parte, poiché non è un membro patrilineare della famiglia reale britannica, non è quindi un dinasta della Casa di Windsor.

Comparativamente, l'aristocratico tedesco Principe Ernesto Augusto di Hannover , un discendente in linea maschile del re Giorgio III del Regno Unito , non possiede alcun nome, titolo o stile britannico legale (sebbene abbia il diritto di reclamare l'ex ducato reale di Cumberland ). È nato in linea di successione al trono britannico ed è stato vincolato dal Royal Marriages Act del 1772 fino a quando non è stato abrogato quando il Succession to the Crown Act 2013 è entrato in vigore il 26 marzo 2015. [10] Pertanto, ha chiesto e ottenuto una formale permesso della regina Elisabetta II di sposare la principessa cattolica romana Carolina di Monaco nel 1999. Eppure, una clausola degli inglesiAct of Settlement 1701 rimase in vigore in quel momento, stabilendo che i dinasti che sposano cattolici romani sono considerati "morti" ai fini della successione al trono britannico. [11] Anche tale esclusione ha cessato di applicarsi il 26 marzo 2015, con effetto retroattivo per coloro che erano stati dinasti prima di innescarla per matrimonio con un cattolico romano. [10]

Un "matrimonio dinastico" è quello che rispetta le restrizioni della legge della casa monarchica , in modo che i discendenti possano ereditare il trono o altri privilegi reali. Il matrimonio del re Guglielmo Alessandro dei Paesi Bassi con la regina Máxima Zorreguieta nel 2002 è stato dinastico, ad esempio, rendendo la loro figlia maggiore, la principessa Catharina-Amalia, l' erede apparente alla corona dei Paesi Bassi. Tuttavia, il matrimonio di suo fratello minore, il principe Friso di Orange-Nassau nel 2003, non ha avuto il sostegno del governo e l'approvazione del parlamento. Così, il principe Friso perse il suo posto nell'ordine di successione al trono olandese, e di conseguenza perse il titolo di "Principe dei Paesi Bassi", e lasciò i suoi figli senza diritti dinastici.

Galleria [ modifica ]

Dinastie più longeve [ modifica ]

Dinastie che durano almeno 250 anni includono quanto segue. Non sono inclusi antichi lignaggi leggendari che non possono essere confermati storicamente.

Era Dinastia Lunghezza della regola
781 d.C. – presente (attestato) [a] Yamato 1241 anni +
57 aC – 935 dC Silla circa. 1000 anni
950 d.C. - presente
(titolo Tuʻi Tonga al 1865 d.C.)
Tonga circa. 1067 anni
(ca. 910 anni)
circa. 780 – 1801 d.C. Bagrationi circa. 1020 anni
1046–256 a.C.
(controllo militare 1046–771 a.C. )
Zhou occidentale e Zhou orientale 790 anni
(275 anni)
37 a.C. – 668 d.C Goguryeo 705 anni
circa. 1299 – 1922 dC ottomano circa. 623 anni
1228 – 1826 d.C. Ahom 598 anni
1326 – 1884 d.C. Sisodia 558 anni
1392 – 1910 d.C. Joseon 518 anni
750 – 1258 dC abbaside 508 anni
1370 – 1857 d.C. timuride 487 anni
918 – 1392 d.C. Goryeo 474 anni
247 a.C. – 224 d.C. Impero dei Parti 471 anni
224 – 651 dC sasanide 427 anni
1010 a.C. – 586 a.C. Davidic 424 anni
202 a.C. – 9 d.C., 25 – 220 d.C. Han occidentali e Han orientali 406 anni
730 a.C. – 330 a.C. achemenide 400 anni
1271 – 1635 d.C. Yuan e Yuan Northern settentrionale 364 anni
1440 – 1740, 1765 – 1806 dC Asburgo 341 anni
1154 – 1485 dC Plantageneto 331 anni
960-1279 dC Canto del Nord e Canto del Sud 319 anni
1613 – 1917 d.C. Romanov 304 anni
916 – 1218 dC Liao e Liao occidentale 302 anni
1616 – 1912 d.C. Più tardi Jin e Qing 296 anni
1368 – 1662 d.C. Ming e Ming meridionale 294 anni
305 – 30 aC tolemaico 275 anni
618 – 690, 705 – 907 dC Codolo 274 anni
1550 – 1292 aC Thutmosid 258 anni
312 – 63 aC seleucide 249 anni

Dinastie esistenti che governano monarchie sovrane [ modifica ]

Ci sono 44 stati sovrani con un monarca come capo di stato , di cui 42 sono governati da dinastie. [b] Ci sono attualmente 26 dinastie sovrane.

Dinastia Regno Monarca regnante Fondatore dinastico [c] Luogo di origine dinastico [d]
Casa di Windsor [e] [f]  Antigua e Barbuda La regina Elisabetta II Re-Imperatore Giorgio V [g] Turingia e Baviera
(nella Germania moderna )
 Commonwealth dell'Australia [h]
 Commonwealth delle Bahamas
 Barbados [i]
 Belize
 Canada
 Grenada
 Giamaica
Nuova Zelanda [j]
 Stato Indipendente di Papua Nuova Guinea
 Federazione di San Cristoforo e Nevis
 Santa Lucia
 Saint Vincent e Grenadine
 Isole Salomone
 Tuvalu
 Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord [k]
Casa di Khalifa  Regno del Bahrain Re Hamad bin Isa Al Khalifa Sheikh Khalifa bin Mohammed Najd
(nella moderna Arabia Saudita )
Casa del Belgio [l]  Regno del Belgio Re Filippo Re Alberto I [m] Turingia e Baviera
(nella Germania moderna )
Casa di Wangchuck  Regno del Bhutan Druk Gyalpo Jigme Khesar Namgyel Wangchuck Druk Gyalpo Ugyen Wangchuck Bhutan
Casa di Bolkiah  Nazione del Brunei, la dimora della pace Sultan Hassanal Bolkiah Sultan Muhammad Shah Tarim in Hadhramaut [n]
(nell'odierno Yemen )
Casa di Norodom [o]  Regno della Cambogia Re Norodom Sihamoni Re Norodom Prohmbarirak Cambogia
Casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg [p]  Regno di Danimarca [q] La regina Margherita II Duca Federico Guglielmo Glücksburg
(nella Germania moderna )
 Regno di Norvegia Re Harald V
Casa dei Dlamini  Regno di Eswatini Re Mswati III Capo Dlamini I Africa dell'est
Casa Imperiale del Giappone [r]  Giappone Imperatore Naruhito Imperatore Jimmu [s] Nara
(nel Giappone moderno)
Casa di Hashim [t]  Regno hashemita di Giordania Re Abdullah II Re Hussein ibn Ali al-Hashimi Hejaz
(nella moderna Arabia Saudita )
Casa di Sabah  Stato del Kuwait Emir Nawaf Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah Sheikh Sabah I bin Jaber Najd
(nella moderna Arabia Saudita )
Casa di Moshesh  Regno del Lesotho Re Letsie III Capo della Paramount Moshoeshoe I Lesotho
Casato del Liechtenstein  Principato del Liechtenstein Principe Hans-Adam II Principe Carlo I Bassa Austria
( nell'Austria moderna )
Casato di Lussemburgo-Nassau [u]  Granducato di Lussemburgo Granduca Enrico Granduca Adolfo Nassau
(nella Germania moderna )
dinastia Bendahara [v]  Malesia [w] Yang di-Pertuan Agong Abdullah Bendahara Tun Habib Abdul Majid Johor
(nella moderna Malesia)
Casata dei Grimaldi  Principato di Monaco Principe Alberto II François Grimaldi Genova
(nella moderna Italia )
dinastia Alaouite  Regno del Marocco Re Mohammed VI Sultan Abul Amlak Sidi Muhammad as-Sharif ibn 'Ali Tafilalt
(nel moderno Marocco)
Casa di Orange-Nassau [x]  Regno dei Paesi Bassi [y] Re Guglielmo Alessandro il principe Guglielmo I Nassau
(nella Germania moderna )
Casa di Said  Sultanato dell'Oman Sultan Haitham bin Tariq Sultan Ahmad bin Said al-Busaidi Yemen
Casa di Thani  Stato del Qatar L'emiro Tamim bin Hamad Al Thani Lo sceicco Thani bin Mohammed Najd
(nella moderna Arabia Saudita )
Casa di Saud  Arabia Saudita Re Salman bin Abdulaziz Al Saud emiro saud io Diriyah ( nell'odierna
Arabia Saudita)
Casa di Borbone-Angiò [z]  Regno di Spagna Re Felipe VI Re Filippo V Bourbon-l'Archambault
(nella Francia moderna )
Casa di Bernadotte  Regno di Svezia Re Carlo XVI Gustavo Re Carlo XIV Giovanni Pau
(nella Francia moderna )
dinastia Chakri  Regno di Thailandia Re Vajiralongkorn Re Rama I Phra Nakhon Si Ayutthaya
(nella moderna Thailandia)
Casa di Tupou  Regno di Tonga Re Tupou VI Re Giorgio Tupou I Tonga
Casa di Nahyan [aa]  Emirati Arabi Uniti [ab] Il presidente Khalifa bin Zayed Al Nahyan Lo sceicco Dhiyab bin Isa Al Nahyan Liwa Oasis
(nei moderni Emirati Arabi Uniti)

Dinastie politiche nelle repubbliche e monarchie costituzionali [ modifica ]

Sebbene nei governi eletti , il governo non passi automaticamente per eredità, il potere politico spesso matura a generazioni di individui imparentati nelle posizioni elette delle repubbliche e delle monarchie costituzionali . Eminenza, influenza , tradizione , genetica e nepotismo possono contribuire al fenomeno.

Le dittature familiari sono un concetto diverso in cui il potere politico passa all'interno di una famiglia a causa della schiacciante autorità del leader, piuttosto che del potere informale maturato alla famiglia.

Alcune dinastie politiche non monarchiche:

Famiglie influenti e benestanti [ modifica ]

(Australia)

Vedi anche [ modifica ]

Note [ modifica ]

  1. ^ La presunta data di fondazione del 660 aC non è conteggiata in questa tabella a causa della sua natura non attestata.
  2. ^ Le entità sovrane esistenti governate da monarchi non dinastici includono:
  3. ^ Il fondatore di una dinastia non deve necessariamente essere equiparato al primo monarca di un particolare regno. Ad esempio, mentre Guglielmo I era il fondatore dinastico della Casa di Orange-Nassau che attualmente governa il Regno dei Paesi Bassi , non è mai stato un monarca del Regno dei Paesi Bassi.
  4. ^ Da non confondere con la sede dinastica .
  5. ^ La Casa di Windsor discende dalla Casa di Sassonia-Coburgo-Gotha , che è un ramo della Casa di Wettin . Il nome dinastico fu cambiato da "Sassonia-Coburgo-Gotha" a "Windsor" nel 1917 d.C.
  6. ^ Uno stato sovrano con Elisabetta II come monarca e capo di stato è conosciuto come regno del Commonwealth .
  7. ^ Giorgio V era precedentemente un membro del Casato di Sassonia-Coburgo-Gotha prima del 1917 d.C.
  8. ^ Compreso:
  9. ^ La monarchia delle Barbados dovrebbe essere abolita entro novembre 2021. [12] [13] Di conseguenza, la casata di Windsor cesserà di essere la dinastia regnante delle Barbados .
  10. ^ Il regno della Nuova Zelanda è composto da:
  11. ^ Compreso: Le dipendenze della corona del Baliato di Guernsey, del Baliato di Jersey e dell'Isola di Man non fanno né parte del Regno Unito né dei territori britannici d'oltremare .
  12. ^ Il Casato del Belgio discende dal Casato di Sassonia-Coburgo-Gotha , che è un ramo del Casato di Wettin . Il nome dinastico fu cambiato da "Sassonia-Coburgo-Gotha" a "Belgio" nel 1920 d.C.
  13. ^ Alberto I era precedentemente un membro della Casa di Sassonia-Coburgo-Gotha prima del 1920 d.C.
  14. ^ Rivendicato dalla casa reale, ma la storicità è discutibile.
  15. ^ La Casa di Norodom è un ramo della dinastia Varman.
  16. ^ Il casato di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg è un ramo del casato di Oldenburg .
  17. ^ Compreso:
  18. ^ La casa imperiale del Giappone , o dinastia Yamato, è la dinastia continua più antica del mondo. La dinastia ha prodotto una successione ininterrotta di monarchi giapponesi sin dal leggendario anno di fondazione del 660 aC.
  19. ^ La maggior parte degli storici considera l'imperatore Jimmu un sovrano mitico. L'imperatore Ōjin , tradizionalmente considerato il 15° imperatore, è il primo che generalmente si pensa sia esistito, mentre l' imperatore Kinmei , il 29° imperatore secondo la storiografia tradizionale, è il primo monarca a cui possono essere assegnate date di regno verificabili.
  20. ^ La Casa di Hashim discende da Banu Qatada , che era un ramo della Casa di Ali .
  21. ^ Il Casato di Lussemburgo-Nassau discende dal Casato di Nassau-Weilburg , che è un ramo del Casato di Nassau e del Casato di Borbone-Parma .
  22. ^ La dinastia Bendahara è la dinastia regnante di Pahang Darul Makmur e Terengganu . Il Sultano di Pahang è il regnante Yang di-Pertuan Agong della Malesia .
  23. ^ Il trono della Malesia ruota tra le nove monarchie costituenti della Malesia , ciascuna governata da una dinastia. Lo Yang di-Pertuan Agong è eletto dalla Conferenza dei governanti .
  24. ^ Il Casato di Orange-Nassau è un ramo del Casato di Nassau . Inoltre, Willem-Alexander è anche legato alla Casa di Lippe attraverso Beatrix dei Paesi Bassi .
  25. ^ Il Regno dei Paesi Bassi è composto da:
  26. ^ Il Casato di Borbone-Angiò è un ramo del Casato di Borbone .
  27. ^ La Casa di Nahyan è la dinastia regnante dell'Emirato di Abu Dhabi . L'emiro di Abu Dhabi è il presidente in carica degli Emirati Arabi Uniti .
  28. ^ Il Presidente degli Emirati Arabi Uniti è eletto dal Consiglio Supremo Federale . L'ufficio è stato ricoperto dall'Emiro di Abu Dhabi sin dalla formazione degli Emirati Arabi Uniti nel 1971 d.C.

Riferimenti [ modifica ]

  1. ^ Wells, John C. (2008). Dizionario di pronuncia Longman (3a ed.). Longman. ISBN 978-1-4058-8118-0.
  2. ^ Jones, Daniel (2011). Roach, Peter ; Setter, Jane ; Esling, John (a cura di). Cambridge English Pronouncing Dictionary (18a ed.). Cambridge University Press. ISBN 978-0-521-15255-6.
  3. ^ a b Oxford English Dictionary , 1a ed. "dinastia, n ." Oxford University Press (Oxford), 1897.
  4. ^ Oxford English Dictionary , 3a ed. "house, n.¹ e int , 10. b. " Oxford University Press (Oxford), 2011.
  5. ^ Thomson, David (1961). "Le istituzioni della monarchia". Europa da Napoleone . New York: Knopf. pp.  79-80 .L'idea di base della monarchia era l'idea che il diritto ereditario desse il miglior titolo al potere politico... I pericoli della successione contesa erano meglio evitati dalla successione ereditaria: le famiglie dominanti avevano un interesse naturale a trasmettere ai loro discendenti maggiore potere e prestigio. ..Federico il Grande di Prussia, Caterina la Grande di Russia, Maria Teresa d'Austria, erano ugualmente infatuati dall'idea di rafforzare il loro potere, accentrando il governo nelle proprie mani contro i privilegi locali e feudali, e così acquisendo un'autorità più assoluta in lo stato. Inoltre, proprio le rivalità e i conflitti dinastici tra questi monarchi settecenteschi li spinsero a cercare metodi di governo sempre più efficienti.
  6. ^ Liddell, Henry George & al. Un lessico greco-inglese : " δυναστεία ". Ospitato dal progetto Perseus della Tufts University.
  7. ^ Liddell & al. Un lessico greco-inglese : " δυνάστης ".
  8. ^ Liddell & al. Un lessico greco-inglese : " δύναμις ".
  9. ^ Liddell & al. " δύναμαι ".
  10. ^ a b Dichiarazione di Nick Clegg MP, sito web del parlamento britannico , 26 marzo 2015 (recuperata nella stessa data).
  11. ^ "Monaco reale preso gravemente malato" . Notizie della BBC . Londra. 8 aprile 2005 . Estratto il 27 gennaio 2013 .
  12. ^ "Barbados per rimuovere la regina Elisabetta II come capo di stato e dichiarare la repubblica" . L'Indipendente . 16 settembre 2020 . Estratto il 16 settembre 2020 .
  13. ^ "Barbados pronto a destituire la regina Elisabetta II come capo di stato" . Il Washington Post . 17 settembre 2020 . Estratto il 17 settembre 2020 .